Continua la triste vicenda della coppia formata da Sara Tommasi e Andrea Diprè.

Ex showgirl di successo, poi travolta dall’abuso di stupefacenti, caduta nel vortice della pornografia, la Tommasi sembrava aver riconquistato una certa stabilità mentale e la tranquillità, ma gli ultimi eventi che l’hanno vista legarsi all’avvocato Diprè, sedicente critico d’arte, personaggio amatissimo sul web, hanno fatto sorgere molti dubbi a riguardo.

L’annuncio del loro matrimonio poteva sembrare una trovata in pieno spirito situazionista, se non fosse stato per un video in cui i due, in visita a Verona, si paragonavano ai Romeo e Giuletta di Shakespeare, in un evidente stato di alterazione psico-fisica che adombra molti dubbi sulle reali intenzioni della coppia.

Per celebrare questo famigerato e per ora misterioso rito nuziale (annunciato prima per il 24 maggio a Las Vegas, nella cappella di Elvis, e ora il 10 giugno a Montecarlo) il web si è scatenato e su Facebook è comparso uno dei tanti eventi ironico-satirici: quello è in oggetto è intitolato “Pullman per Matrimonio Andrea Diprè – Sara Tommasi” e al momento raccoglie la partecipazione di 64mila utenti. Singolare l’esiguità di coloro che si sono detti in forse, circa duecento unità.

L’invito si rivolge ai “Dipre’isti d’Italia”, adepti di una presunta religione che ha come perno, ovviamente, l’adorazione della figura di Diprè, maestro del trash di internet: “Siamo tutti invitati al matrimonio più catafratto dell’anno. Non possiamo perdere l’evento del decennio.”

Le battute e i lazzi si susseguono nei vari commenti alla pagine del’evento, prendendo di mira tanto l’assurdità in sé della situazione quanto il presunto uso di cocaina e altre droghe della coppia. Tutta pubblicità certamente gradita a Sara Tommasi e Diprè, che da quanto sembra vivono di queste attenzioni e capitalizzano tutta l’ironia e l’irrisione malcelata di cui sono al contempo oggetto e (chissà quanto consapevoli) aizzatori.