Una brutta notizia arriva al Festival di Sanremo: il musicista Piero Petrullo si è suicidato, era uno degli storici componenti della band “Ladri di Carrozzelle”. L’artista con disabilità si è tolto la vita nel bagno della sua casa di Velletri dove viveva con gli zii. I “Ladri di Carrozzelle ” erano stati invitati come ospiti alla finale di Sanremo 2017 proprio da Carlo Conti che voleva fortemente la loro presenza sul palco dell’Ariston per racontare l’unicità del gruppo formato da musicisti con disabilità fisiche.

Piero Petrullo, 50 anni, è stato trovato morto nel bagno impaccatosi probabilmente con un filo elettrico. Petrullo era costretto a vivere in sedia a rotelle dopo un grave incidente stradale avvenuto ai Castelli Romani. Sul corpo il magistrato ha ordinato che venga fatta l’autopsia e le indagini sono state affidate ai Carabinieri di Velletri.  Piero Petrullo ha suonato insieme ai ladri di carrozzelle dal 2006 al 2010 come percussionista e anche sabato probabilmente si sarebbe dovuto esibire sul palco dell’Ariston per questa occasione speciale.

Al quotidiano Il Messaggero Paolo Falessi, fondatore dei Ladri di Carrozzelle, dichiara: “Era un uomo straordinario nonostante soffrisse molto a livello fisico, con dolori molto violenti, era sempre positivo, gioioso, amava stare con gli amici, divertirsi, suonare i suoi strumenti, ci dava sempre coraggio a tutti, andremo a Sanremo sabato prossimo con il gruppo laboratorio ‘Ladri di Carrozzelle’ con il cuore rotto dal dolore della tragica morte del nostro amico e collega, che cercheremo di ricordare, dando il meglio di noi stessi”.

Il gruppo Ladri di Carrozzelle è stato fondato nell’estate del 1989  durante una vacanza in un villaggio turistico alcuni ragazzi scoprono la comune passione per la musica e tornati a Roma decidono di dare vita ad un gruppo musicale.  La formazione iniziale presenta alcune particolarità: quasi tutti i fondatori sono persone con disabilità ma questo non impedisce ai musicisti di provare ad inseguire un sogno: diventare una rock band. Nel corso degli anni la formazione cambia a causa dell’aggravarsi della patologia dei fondatori e si arricchisce di nuovi “ladri”e al momento esistono diverse formazioni che scendono in campo a seconda dell’impegno richiesto ( scuole teatri piazze). I “ladri” sono l’espressione di un vasto piano la cui attività principale è quella concertistica, ma si estende e sconfina in attività collaterali,rientranti in un unico, ambizioso progetto: la diffusione di un immagine nuova e insolita delle diverse abilità, attraverso la musica. Negli anni la band ha partecipato a varie manifestazioni di piazza tra cui il Concertone del 1 Maggio a Roma e negli eventi per la celebrazione del Giubileo del 2000.