Si aspettavano tutti una performance dai sapori classici e fiabeschi ma Roberto Bolle, primo super ospite della finalissima di Sanremo 2016 ha stupito tutti presentandosi sul palco dell’Ariston esibendosi sulle note di We will rock you dei Queen. Il re della danza, così come lo ha definito il Times, ha aperto l0ultima serata della sessantaseiesima edizione del festival per poi riapparire sul palco qualche minuto dopo concedendo a Carlo Conti e a tutto il pubblico in sala e da casa una toccante intervista incentrata sul mondo della danza, sui sacrifici che devono essere fatti per coronare il proprio sogno e sul privilegio che lo stesso Bolle si sente di avere nei confronti di una disciplina che è diventata tutta la sua vita. ”La danza non è un’arte antica e polverosa” dichiara deciso il ballerino che ha brevemente ripercorso gli inizi della sua carriera ricordando anche il momento in cui fu scelto da Rudol’f Nureev, ritenuto il più grande ballerino del XX secolo.

“L’esibizione di stasera è dedicata a tutti quelli che pensano che la danza sia un’arte antica e polverosa. La danza sa arrivare al cuore, emozionare, coinvolgere, stupire” questa la didascalia di una foto pubblicata da Roberto Bolle sul suo profilo ufficiale Instagram mentre il ballerino si preparava alla serata finale del Festival della Canzone Italiana. “Grazie al grande Mauro Bigonzetti per la coreografia rock. E grazie a Carlo Conti per questa meravigliosa opportunità”. Ecco il video dell’esibizione di Roberto Bolle sulle note di We will rock you.