Sanremo 2016 lo vincono Gli Stadio con la canzone “Un Giorno mi dirai” al secondo posto si è classificata Francesca Michielin con “Nessun grado di separazione” e al terzo la coppia Deborah Iurato – Giovanni Caccamo con “Via da Qui“.

I tre classificati hanno incontrato la stampa subito dopo la proclamazione. La coppia Iurato-Caccamo si è detta “felicissima del traguardo raggiunto” ed ha accennato ad un urlo liberatorio. Caccamo: “Il sol pensiero di essere qui e condividere questa scrivania con Gli Stadio per noi è un onore” Per Debora è un risultato “oltre ogni aspettativa. Gli Stadio sono un pilastro importante della musica italiana. Pure se siamo nella categoria campioni abbiamo ancora tanto tanto da imparare” . La cantante si è poi lasciata andare ad un momento di commozione. Francesca Michielin ha ringraziato tutti dicendo di ritenersi fortunata a 20 anni a ritrovarsi nella rosa dei tre finalisti ed ha poi ringraziato tutte le persone che hanno permesso questo suo risultato.

I vincitori acclamati da sala stampa, web e radio e premio cover hanno vinto 4 premi su 4 quindi sono piaciuti anche ai giovani? “C’è un pubblico di giovani che ci segue e che vede in noi una band vera che fa musica bene, scrive pezzi per altri. Noi siamo innamorati della musica. Per noi è la nostra vita. Nella serata delle cover abbiamo dimostrato che siamo legati alla musica del passato e di chi non c’è più. L’importante è che la nostalgia non si trasformi in malinconia. É una cosa che ti permette di andare avanti.

Gli Stadio andranno all’Eurovision Song Contest?  L”account Twitter dell’Eurovision Rai ha prima scritto che il gruppo non si sarebbe avvalso della facoltà di partecipare alla gara canora,

https://twitter.com/EurovisionRai/status/698665063893360640

In conferenza stampa però il frontman del gruppo Gaetano Curreri ha affermato: “Lo decideremo insieme a Tania”.

E quindi il nuovo tweet della Rai

https://twitter.com/EurovisionRai/status/698665953052250112

Se non andranno andrà Francesca Michielin che ha affermato essere “Il sogno della mia vita parteciparvi”.

Qualcosa è cambiato la sera delle cover (dove hanno vinto al televoto): “Noi dalla sera delle cover siamo tornati ad essere gli stadio che da 35 anni fa quella musica lì ci siamo ricordati chi sono Gli Stadio”.

Roberto, il bassista del gruppo ha dedicato il premio alla sua famiglia che lo ha sostenuto un anno fa in ospedale mentre era in fin di vita, il batterista dedica il premio a tutto il gruppo e a tutti quelli che hanno lavorato per loro, tutto lo staff e alla famiglia.

“Abbiamo cercato di portare avanti la carrirera pensando alla musica. -dice Curreri- Da domani ricominceremo a fare quello che abbiamo sempre fatto: i concerti on the road. Viviamo di quello. Abbiamo sempre fatto della musica il valore importante del nostro stare insieme”.