Si è conclusa anche la serata evento del Festival di Sanremo 2014 dedicata alla grande canzone autorale italiana, una serata che si è sviluppata in maniera un po’ lenta anche per la visibile stanchezza dei due conduttori. Oltre a Sanremo Club nella serata è stata proclamata la canzone vincitrice della sezione Nuove Proposte, il brano di Rocco Hunt, giovane rapper campano che tratta anche il problema della terra dei fuochi nel suo testo, ha vinto la categoria con Nu juorn buono.

La possibilità di vittoria era abbastanza prevedibile dal momento il ragazzo ha un’ottimo seguito nei social (più di 300mila like su Facebook) e che il televoto aveva un peso decisivo per la vittoria.

I big questa sera invece non gareggiavano con il proprio brano in gara ma si esibivano nelle più importanti canzoni cantautorali della tradizione italiana. Spiccano tra le altre le esibizioni di Ron in Cara di Lucio Dalla e quella di Frankie Hi NRG con con Fiorella Mannoia in Boogie di Paolo Conte.

Per ricordare la tradizione genovese Gino Paoli ha fatto un medley dei suoi successi e ha omaggiato Luigi Tenco in Vedrai, vedrai.

Divertente il momento di illusionismo con Luciana Littizzeto e il Mago Silvan. Enrico Brignano invece ha festeggiato i 60 anni della Rai omaggiando Aldo Fabrizi. Sobria ed elengante invece la partecipazione di Marco Mengoni.

Questa puntata è passata, a mio modestissimo parere si poteva scrivere  meglio scegliendo si canzoni provenienti dal mondo cantautorale ma conosciute dal grande pubblico, sicuramente anche dal punto di vista degli ascolti non sarà questa serata la svolta del Festival, quest’anno manca il giusto mix, l’anno scorso riuscito, tra intellettuale e popolare. Peccato.