Apre la serata finale quel gran bel giovanotto del Maestro Daniel Harding che dirige la Cavalcata delle Valchirie all’Ariston di Sanremo. Dice ” La musica non è proprietà di nessuno, è per tutti e tutti abbiamo bisogno di trovare adatta a noi in ogni momento”. Ora però omaggio  a Verdi con la marcia Trionfale dell’Aida. Arriva Luciana vestita da farfallina di Belen e poi Fazio presenta la Giuria di qualità che è la stessa di ieri sera solo che al posto di Neri Marcorè c’è Beppe Fiorello.

Litty e Fazio iniziano la gara leggendo i codici del televoto e presentando Raphael Gualazzi con  Sai ci basta un sogno. Di questa canzone è bello l’inciso e Gualazzi è orsacchiottone. Potrebbe pure vincere. Stefano Gabbana su Twitter dichiara che questa è la sua canzone preferita.

Gli Almamegretta recuperano Raiz per la serata conclusiva e siccome si è riposato stasera è particolarmente agitato e balla molto. Mamma non lo sa e pure io faccio finta di niente. Silvestri torna a incantare con la lingua dei segni ed anche in Sala stampa scroscia un applauso di apprezzamento.

Ma ora è il momento  di Bianca Balti (qui la gallery fotografica della splendida modella), delle sue orecchie, dei suoi orecchini e del suo vestito bianco con lo strascico. La Balti, ho notato, parla sempre della mamma.

Simone Cristicchi è alto di suoi o è merito dei capelli? comunque ci piace la sua visione dell’aldilà. Mentre Maria Nazionale impara a vestirsi meglio ogni sera che passa, ormai è per tutti la detentrice del titolo Best Tette 2013. Scintille per Annalisa Scarrone vestita da bambolina Lenci verde pallido come pallida è la possibilità che io mi compri mai un suo disco.

Intanto segna la Roma e in Sala stampa si intonano cori pro Totti. Qualcuno propone di far ricantare Annalisa più volte.

Monologo della Litty sulla bellezza e i suoi indiscutibili vantaggi con applauso finale, però a tutti i non belli che ci hanno reso migliore la vita.

Straordinario Lutz Foster, ballerino della compagnia di Pina Bausch, con 4 movimenti minimali costruisce su una canzone di Caetano Veloso una coreografia incredibile.

Prosegue la gara alle 22,15 con Maz Gazzè ed il suo occhio inaspettatamente bianco. Inquietante, direi. Fazio ne resta impressionato e noi pure. Che vorrà dire? Chissà se anche per casa va in giro così. Ma stasera non si accontenta di cantare ma con fare diabolico, ruba la bacchetta al direttore d’orchestra  scende in platea,  scalza Frizzi dalla poltrona, ci sale sopra in piedi e dirige il pubblico in coro. 

Un grande ospite, in tutti i sensi arriva Castrogiovanni della Nazionale Italiana di Rugby. Il buon selvaggio offre maglietta a Fazio in  cambio di Lucianina.

Chiara vestita malissimo ripropone il suo tango sull’Happy hour interplanetario. Mentre qui arrivano notizie di una scossa di terremoto a Roma e a Sora. Marta sui tubi e Malika Ayane proseguono senza sorprese la corsa verso la fine di questo Festival che archivieremo da domani.

Sorvolerei e sospenderei il giudizio sul monologo di Bisio. Menomale che ci sono gli Elii che stasera sono grassissimi e ancora più divertenti del solito con la loro Canzone mononota che merita il podio.

Ed è solo  stasera che finalmente capisco che L’essenziale di Marco Mengoni è una bella canzone. Bravo Casalino.

Chiudono con La felicità e un bacio passionale sul collo Simona Molinari e Peter Cincotti. Auguri e figli maschi.

Bocelli con figliolo pianista al seguito è l’ospite della serata. Tra poco la classifica.

Intanto la giovanissima Birdy emoziona l’Ariston con la sua Skinny love.

Ritorna Bianca Balti con lo stesso vestito della Bar Rafaeli (foto durante la presentazione) della seconda sera. Sfilando per dimostrare a Luciana come si fa, inciampa e fa una figura barbina.

Il Premio della Critica Mia Martini lo vincono Elio e le Storie Tese che lo dedicano al loro amico Fayez.
Il premio per il miglior arrangiamento viene assegnato a Elio e le storie tese.

I tre finalisti il podio sono  Elio e le storie tese, Modà e Marco Mengoni. Si riparte. Ricantano. Si rivota.

Vince il 63mo Festival di Sanremo Marco Mengoni con la canzone L’essenziale.

Marco Mengoni rappresenterà l’Italia all’Eurovision Song Contest 2013 a Malmo in Svezia