Raphael Gualazzi – Sai (ci basta un sogno) – Senza ritegno

Se dovessimo giudicare dai titoli delle sue due canzoni in gara, non ci sembrerebbe poi così interessante e fantasioso il ritorno a Sanremo del 31enne artista marchigiano targato Sugar. Ma pare invece, stando a chi le canzoni le ha ascoltate tutte, che il buon Raphael potrebbe davvero fare la differenza dopo aver vinto nel 2011 tra i Giovani ed aver passato l’ultimo anno a far la spola tra Londra, dove vive e Parigi dove spesso si esibisce ed ha firmato un contratto con la Blue Note ed Emi France. Vincent Mendoza, che non è proprio l’ultimo degli arrangiatori, ha collaborato ai due brani che Gualazzi ha composto nella perfida Albione. Tra “volute velleità” e “accidia immemore” Raphael in “Sai”si sbatte un bel po’ “per fermare la guerra inutile con un sorriso, sfondando le porte ipocrite del Paradiso”…vabbè no comment. In Senza ritegno, scritta probabilmente dopo aver riletto con attenzione il testo dell’altra canzone, si rivolge ad una lei dotata di “magra educazione” alla quale, se non leggo male, “spara nelle gambe per diventare cristiano” . Uggesù! Che t’hanno fatto a Londra, Gualazzi? Voto 6 e mezzo

Marta sui Tubi – Vorrei – Dispari

Dicono di puntare tutto sull’effetto sorpresa e già vedere il loro nome tra quelli dei Big un bel po’ di stupore ce lo ha provocato. I loro cognomi sono Pipitone, Gulino, Paolini, Boschi e Pischedda, la loro età va dai 33 ai 41 anni e fanno punk rock leggermente politicizzato. Dispari è sulla comunicazione ai tempi di facebook e twitter, alla faccia dell’originalità. In Vorrei invece danno il loro meglio in frasi del tipo “chiedo perdono ai punti cardinale per non averli riconosciuti” . Mi sa tanto che voi eravate a Londra con Gualazzi. Voto 6.

Marco Mengoni Bellissimo – L’essenziale

Torna a Sanremo forte di due brani a grandi firme, Nannini e Pacifico per Bellissimo e Casalino per L’essenziale. Il vincitore senza se e senza ma dell’edizione 2009 di X Factor tenta un ritorno alla grande dopo un periodo poco luminoso, tanto che la madre ha recentemente dichiarato al settimanale Di più che il figliolo sarebbe in difficoltà economiche  “Ora vive a Milano in una stanza in affitto e gira in bicicletta. Per spendere meno ha lasciato la sua Smart qui a Ronciglione” dice mammà.

Siccome a me Mengoni è sempre piaciuto e trovo che sia un talento fuori dal comune, spero che questi due brani siano finalmente alla sua altezza. Vedremo e ascolteremo. Sulla fiducia voto 8.

Modà – Come l’acqua dentro il mare – Se si potesse non morire

I Modà non mi piacciono, ma credo che questo non dovrebbe influenzare il mio giudizio. Provai una sola volta simpatia per Kekko quando litigò con Emma Marrone dopo la vittoria di lei all’ultimo Sanremo, ma quella è una storia vecchia. Ora tornano sono di nuovo qui e temo, per vincere. Ma come dicono loro in Come l’acqua dentro il mare “ vietato abbandonare il sogno di volare”. I testi sono semplici con qualche fronzolo poetico e sprazzi isolati di originalità, come per esempio, in “Se si potesse non morire” la faccenda del regalarsi una finestra quando piove, inabissati dentro ovvietà diffuse come sogni uguale ali per volare, il sorriso = gesto più prezioso e le immancabili rose senza spine. Il 14 febbraio esce l’album Gioia dal nome della figlia di Kekko e dentro ci saranno 10 brani + i 2 pezzi in gara. Non duetteranno con Emma marrone, perchè gliel’ha già soffiata Annalisa. Voto 6.

Simona Molinari e Peter Cincotti – La felicità – Dr. Jekyll Mr. Hyde

Lei era a Sanremo Giovani l’anno della vittoria di Arisa (2009) ed entrambe provenivano da Sanremolab (oggi Area Sanremo). In quell’occasione duettò con Ornella Vanoni e poi si imbarcò su un cargo battente bandiera liberiana alla conquista dell’Impero del Sol Levante. Per questo primo Sanremo da Big canta in coppia con l’americano Peter Cincotti noto al mondo per un suggestivo singolo del 2007 “Goodbye Philadelphia” . La prima canzone Dr.Jeckyll Mr.Hyde è un inedito swing del grande Lelio Luttazzi ( scomparso nel 2010) dal testo fresco e accattivante. La felicità invece porta le firme di Cincotti, della Molinari e del di lei produttore Carlo Avarello, che descrive bene il non sapere esattamente cosa si vuole, cndizione che impedisce di cogliere al volo e assaporare gli attimi di felicità che la vita riserva. Voto 7.

Maria Nazionale – Quando non parlo – E’ colpa mia

Ve lo dico subito. Maria Nazionale a Sanremo è un grande regalo. Lei è una cantante straordinaria che fa vibrare dall’emozione le corde più intime di chi la ascolta. Se qualcuno l’ha vista dal vivo con de Gregori in “Santa Lucia” , sa di cosa parlo. Detto questo le canzoni che porta in gara hanno firme importanti: Enzo Gragnaniello firma Quando non parlo, sostenendo una grande verità: “mentre il mondo galleggia nella bugia, c’è un bisogno infinito di poesia”. Mesolella e Servillo (Avion Travel) scrivono invece E’ colpa mia, una canzone d’amore in dialetto napoletano.Voto 7 e mezzo

Daniele Silvestri – Il bisogno di te (ricatto d’onor) – A bocca chiusa

Dopo un capolavoro come Salirò (2002) e tante alte gemme presentate negli anni al festival, da L’uomo col megafono a La Paranza, ci si aspetta molto dal ritorno di Silvestri all’Ariston, dopo 6 anni di assenza. Una canzone seria ed una acchiappa audience. Lo scioglilingua Il bisogno di te segue il filone ironico-satirico, mentre A bocca chiusa parla di scioperi e manifestazioni in piazza dove si canta e si sfila per ideali nei quali forse non si crede neanche più. Voto 7

leggi anche:
Sanremo 2013 Big: pagellone dei testi – parte prima

Sanremo 2013 giovani: Renzo Rubino album Poppins esce il 14 febbraio

Sanremo 2013 conferenza stampa Rai: svelati ospiti, giurati e presenters

Sanremo 2013: ecco cosa canteranno i Big per la serata SanremoStory.

Sanremo 2013 conferenza stampa: alle 13 Fazio svela i segreti del suo Festival.

Sanremo 2013 Big Raphael Gualazzi Happy Mistake esce per San Valentino.

Sanremo 2013 giovani Andrea Nardinocchi il suo album “Il momento perfetto” esce il 14 febbraio.

Sanremo 2013 giovani: i Blastema si raccontano a Leonardo.it.

Sanremo 2013 giovani: Antonio Maggio si racconta a Leonardo.it.

Sanremo 2013 giovani: Il Cile si racconta a Leonardo.it.