Oggi Fabio Fazio è in Sala Stampa Radio e tv al Palafiori che da oggi si chiamerà Sala Lucio Dalla in quanto una petizione degli addetti ai lavori e dei giornalisti delle radio tv e del web ha fortemente richiesto questo ricordo del cantautore bolognese scomparso un anno fa. Niccolò Buongiorno figlio di Mike è presente in conferenza stampa perchè proprio stasera durante la quarta serata del festival verrà inaugurata una statua del grande conduttore in Via Escoffier in centro città.

Tocca a noi di Leonardo.it fare la prima domanda dalla neonata Sala Lucio Dalla e chiediamo se a questo punto, visto il grande successo di questo Sanremo, si prospetti un Fazio bis. Fabio risponde di voler prima arrivare alla fine di questo festival che comunque ha richiesto tante scelte rischiose come le proposte di Anthony e della pianista Armellini.

Scopriamo che stasera molti dei big non avranno accompagnatori con cui duettare, in quanto  si è deciso quest’anno che non fosse un obbligo, per evitare forzature. Molte sono in effetti le novità e le tradizioni scardinate dal regolamento che assomiglia, come lo stesso Fazio ama dire, ad un work in progress. Due canzoni a testa per i big, il voto a tutte e due le sale stampa, il ritorno della Giuria di qualità. L’assenza di due donne al fianco di un conduttore e la presenza del 30% di musica in più rispetto ad edizioni precedenti.

Marinella Venegoni si lamenta della classifica di ieri sera che ha visto in vetta solo nomi dai talent show a discapito di altre proposte qualitativamente superiori ( Gualazzi solo quinto, Elio a metà classifica e Malika solo 12ma) . Anche tra i giovani sono passati nomi proveniente dai talent come la Porceddu e Maggio. Inutile, dice l’inviata de La Stampa, lavorare tanto con una Commissione capitanata da un musicista come Pagani, se poi comunque trionfa sempre la musica uscita da certi programmi  TV.