Si è spento a soli 59 anni Sam Simon, autore televisivo, produttore e stimatissimo filantropo. Sin dal 2012 gli era stato diagnosticato un cancro del colon-retto, e proprio nella notte di ieri l’uomo ha dovuto arrendersi alla malattia, che lo ha sopraffatto nella sua abitazione di Los Angeles.

Simon aveva iniziato a lavorare come storyboard artist presso i Filmation Studios, dopo essersi laureato come cartoonist presso la Stanford University. La sua carriera aveva preso una piega improvvisa dopo aver inviato la sceneggiatura per la sitcom Taxi, di cui divenne lo showrunner.

Gran parte della sua fama la si deve però alla sviluppo della celeberrima serie dei Simpson insieme ai più noti Matt Groening e James L. Brooks. Sam Simon mise insieme il primo team di sceneggiatori, scrisse otto episodi e mise su carta il tono generale del cartone animato. Tuttavia dopo pochi anni, nel 1993, qualcosa si ruppe nel legame con Gronening e il produttore losangelino preferì lasciare il format ricevendo un lauto compenso annuale in termini di diritti d’autore.

L’idea dei Simpson, come noto, nacque a partire da una serie di corti trasmessi nel corso del Tracey Ullman Show nel 1987, di cui Simon era sceneggiatore e produttore esecutivo insieme a Brooks. Due anni più tardi ci fu la nascita della fortunata famiglia dalla pelle gialla. Secondo chi aveva lavorato nel team di quei primi anni il contributo di Simon fu fondamentale per stabilire l’umorismo peculiare della serie, ma sopratutto per dare una sfumatura psicologica alle varie gag, sviluppando i personaggi come delle vere persone e non dei ricettacoli di umorismo.

A Simon si devono dunque alcuni tra i personaggi preferiti dello show, tra cui Mr. Burns, il Dr. Hibbert, il Commissarrio Winchester e i suoi due sottoposti Eddie e Lou. Sempre a lui si deve una delle caratterizzazione più controverse e geniali dei Simpson, ovvero quella delle preferenze sessuali di Waylon Smithers: senza alcun dubbio gay, ma nessuno degli altri personaggi avrebbe dato particolare peso alla cosa.

Vincitore di nove Emmy Awards, Simon è stato sposato con l’attrice Jennifer Tilly dal 1984 al 1991, ed è ricordato come un grande filantropo che ha fatto parte del consiglio di amministrazione di Save the Children e che ha donato grandissime cifre in difesa dei diritti degli animali.

Al Jean, collega sceneggiatore di Simon lo ha così ricordato su Twitter: “È stato un grande uomo, e gli devo tutto. Se volete onorare la memoria di Sam fate qualcosa di gentile per il prossimo animale che incontrate. È una perdita enorme”.