Rosanna Banfi, figlia del famoso Lino Banfi, ha ereditato dal padre la passione per la recitazione: ha lavorato in diverse fiction Rai tra cui “Un medico in famiglia” in cui il papà interpreta l’amatissimo Nonno Libero.

L’attrice, intervistata da “Il Corriere della Sera”, ha parlato degli aspetti più intimi di Banfi ricordando degli aneddoti particolari legati, ad esempio, alla nascita dei suoi due figli Virginia e Pietro. L’attore, infatti, ha una grande passione per la chirurgia quindi ha voluto assistere ai due parti della figlia:

“Per entrambi i miei figli, fu un cesareo. Mio marito Fabio era dietro di me, papà davanti, accanto al medico. E’ appassionato di chirurgia, me lo ha trasmesso: lui si guardava le videocassette con le operazioni, io guardo i video su Facebook. Per Pietro gli avevano dato un camice che gli stava stretto, rimase immobile tutto il tempo con le braccia ingessate… Ha visto i miei figli prima di me!“.

Per la nascita della stessa Rosanna, l’attore era presente ed ha anche partecipato attivamente al parto avvenuto in casa:

“Non c’ era tempo per l’ ospedale, eravamo a Pianosa di Puglia. Chiamarono al volo un’ostetrica molto anziana di Trieste che era lì in vacanza, io pesavo cinque chili e lei non ce la faceva. Ci pensò papà, e ha fatto un casino, perché poi ha buttato la placenta nel gabinetto e ha intasato il bagno!“.

L’attrice ha, poi, parlato della sua adolescenza e di come il padre è stato sempre severo nei suoi confronti, arrivando anche a darle dei meritati schiaffi:

È sempre stato molto serio e severissimo. Certe “pizze” ho preso, quando rientravo a casa tardi. Una volta avevamo litigato, sempre per dei ragazzi, era ora di cena, e mi ha tirato un ceffone. Allora sono scappata di casa e lui mi ha inseguita per strada in ciabatte e pigiama, con mamma in balcone che gli gridava di tornare indietro perché lo vedevano tutti: era già famoso”.