I Rolling Stones mercoledì sera si sono esibiti in un concerto di quelli davvero da consegnare alla storia. Mick Jagger e compagni hanno tenuto una data del tutto a sorpresa a Los Angeles in cui hanno per la prima volta suonato per intero uno dei loro album più importanti e memorabili: “Sticky Fingers” del 1971.

Con una mossa perfettamente in linea con le strategie di marketing più moderne, i Rolling Stones hanno creato un vero e proprio evento mediatico dal nulla. Il gruppo britannico attivo dal 1962 non ha certo perso la carica di un tempo e nemmeno la voglia di sperimentare cose nuove. Con un annuncio a sorpresa dato mercoledì mattina in rete, Mick Jagger e soci hanno messo in piedi in poche ore un concerto che è diventato subito tutto esaurito e che ha visto nel pubblico un sacco di personaggi famosi.

Presenti al concerto a sorpresa che si è tenuto in un club di Los Angeles hanno partecipato 1300 spettatori, tra cui gli attori Bruce Willis e Jack Nicholson, i cantanti Leonard Cohen e Tony Bennett, la popstar Kesha, più Harry Styles dei One Direction. L’occasione di questo incredibile appuntamento è stata doppia.

Innanzitutto, per la prima volta nel corso della loro carriera i Rolling Stones hanno suonato dall’inizio alla fine lo splendido album “Sticky Fingers”, in cui sono contenute alcune delle loro canzoni più amate come “Wild Horses” e “Brown Sugar”. Il disco verrà pubblicato il prossimo 26 maggio in una nuova versione deluxe comprendente un sacco di brani inediti e di live esclusivi.

Non solo. Si tratta infatti anche della data di lancio del nuovo tour dei Rolling Stones. Come ha annunciato Mick Jagger salendo sul palco: “Questo è il primo concerto del nostro tour, stanotte stiamo facendo qualcosa che non abbiamo mai fatto prima: suoneremo per intero “Sticky Fingers”.”

Oltre ai brani tratti dal loro album del 1971, i Rolling Stones hanno voluto rendere omaggio a B.B. King, scomparso lo scorso 14 maggio, con una loro versione di “Rock Me Baby”. Mick Jagger ha introdotto il brano dicendo: “Era uno dei nostri chitarristi preferiti e abbiamo avuto il piacere di suonare con lui in qualche occasione”.