Rock in Roma 2018 ha preso il via ieri e a dare il fischio d’inizio al festival musicale romano sono stati i The Killers. La band è tornata a Roma, dopo cinque anni di assenza, infatti l’ultima data romana risaliva all’11 giugno 2013, durante il Battle Born World tour, sempre all’ippodromo di Capannelle. Unitosi nel 2001, il gruppo statunitense alternative rock è composto da Brandon Flowers (voce, tastiere, basso), Dave Keuning (chitarra), Mark Stoermer (basso, chitarra), Ronnie Vannucci Jr. (batteria).

Il tour di quest’anno si chiama Wonderful Wonderful, nome dell’ultimo album del gruppo; si tratta del loro quinto concert tour ed ha avuto inizio l’11 Febbraio 2017 ad Orlando per spostarsi poi in tutto il mondo, contando ben 113 performance totali, dall’Europa all’Oceania, dall’America all’Asia. Gli show proseguiranno fino al 19 settembre 2018 con l’ultima data di Hong Kong.

A dare il là alla serata ci ha pensato la band di apertura, “I’m not a blonde”, un duo tutto al femminile electro-pop formato da Chiara Castello e Camilla Matley che ha intrattenuto con energia e modernità il pubblico fino all’arrivo dei The Killers sul palco.

The Killers Roma 1

  Il palco prima dell’entrata in scena dei The Killers

Luci forti viola e tendenti al rosa hanno annunciato l’ingresso del frontman, Flowers, che è andato “on stage” sfoggiando un vestito nero anni ’70 con giacca dai profili paillettati sul petto. La prima canzone suonata è stata “The Man”, vero e proprio cavallo di battaglia del gruppo contornato, per l’occasione, da una scenografia con immagini un po’ retrò a ricordare Las Vegas.
Fra la prima e la seconda canzone la voce dei The Killers ha accennato qualche parola in italiano per coinvolgere e mettere a proprio agio i suoi fan e sorridendo ha proseguito con la scaletta.

The Killers 2 Roma

 Una valanga di lustrini viola colora la scena

Ma è stato il secondo brano a far scaldare la folla, infatti i The Killers hanno suonato un pezzo molto conosciuto e più datato: “Somebody Told Me” (2004). Nonostante il cielo fosse cosparso di nubi grigie, le forti luci violacee provenienti dal palco hanno reso l’atmosfera calda e la platea è sembrata non curarsi della pioggia, continuando a cantare ed a muoversi a ritmo di musica.

Ed è con questo spirito che l’esibizione è proseguita, sulle note dei più grandi successi della band, tra cui “Human”, il pezzo che ha probabilmente segnato maggiormente la storia della loro carriera e che conoscono ormai tutti, insieme a “Mr.  Brightside”, ultimo ma non per importanza, il quale ha nostalgicamente segnato la fine del concerto.

Simpatica anche la scelta dell’ultima immagine sullo schermo che ha salutato il pubblico con un “Drive carefully and tell all your friends”.

La scaletta del concerto dei The Killers a Roma

  1. The Man
  2. Somebody Told Me
  3. Spaceman
  4. The Way It Was
  5. Shot at the Night
  6. Run for Cover
  7. Smile Like You Mean It
  8. For Reasons Unknown
  9. Human
  10. Tyson vs. Douglas
  11. A Dustland Fairytale
  12. Runaways
  13. Read My Mind
  14. All These Things That I’ve Done

Encore:

  • The Calling
  • Believe Me Natalie
  • When You Were Young
  • Mr. Brightside