Indimenticabile. Robin Williams sarà semplicemente indimenticabile. Mentre sorride materno ai suoi figli, mentre con il naso rosso da clown fa divertire dei bimbi malati costretti in un letto ospedaliero, mentre salta da un banco all’altro proclamando versi geniali, mentre con la tutina rossa muoveva le dita dicendo “Nano nano… La tua mano”.

Il mondo intero è in lutto, lo si legge sulle pagine di Facebook, lo si percepisce su Twitter e verrà confermato dalle mille testimonianze che quest’oggi ascolteremo in televisione. E chissà cosa starà pensando il buon Robin da lassù, vedendo tutto l’amore che la gente provava per lui. Una cosa è certa: vivrà ancora con le scene più belle dei suoi film, quelle che mi piace condividere con voi in questo post ripercorrendo la sua carriera.

Good Morning, Vietnam (1987): 1965, le truppe americane impegnate nel Vietnam trovano conforto in un programma radiofonico condotto da un brillante disc-jockey, naturalmente interpretato da Robin Williams, che per il suo anticonformismo però verrà sostituito.

L’attimo fuggente (1989): Vermont 1959. Williams interpreta John Keating, neo-docente della severissima Accademia maschile Welton. I suoi metodi di insegnamento sono creativi e anticonformisti, e grazie a lui sette studenti avranno una visione della vita e del mondo completamente diversa.

Hook – Capitano Uncino (1991): l’attore interpreta Peter Banning che riscopre il suo passato da PEter Pan in una fantastica avventura per salvare i suoi figli da Capitano Uncino.

Mrs Doubtfire – Mammo per sempre (1993): Robin Williams è Daniel, un attore fallito che dopo il divorzio è costretto dal giudice a vedere i tre figli per non più di una volta alla settimana. Ma quando viene a conoscenza che l’ex moglie sta cercando una domestica, gli viene in mente una stravagante idea…

Jumanji (1995): nel 1969, Alan (Robin Williams), rimane imprigionato dentro il magico mondo di un gioco da tavolo ambientato nella giungla. Trent’anni dopo altri bambini si divertono con lo stesso gioco, Alan così riesce a venirne fuori, ma porta con sè anche tutti gli animali della savana…

Flubber – Un professore tra le nuvole (1997): Williams è il Professor Phillip Brainard, sempre impegnato a creare mille progetti e che  ha lasciato per ben due volte la sua fidanzata sull’altare il preside Sara Jean Reynolds che gli ha dato un’ultima possibilità. Ma la notte della vigilia del suo “terzo” matrimonio, crea flubber una sostanza che permette agli oggetti di fluttuare nell’aria.

Will Hunting (1997): Will Hunting é un ragazzo orfano dedito a piccoli furti ma con grandi capacità per la matematica. Queste doti, vengono notate da un professore universitario interpretato da Robin Williams che mandandolo da un suo amico psichiatra cerca di aiutarlo a toglierlo dalla strada. Alla fine ci riuscirà.

Patch Adams (1998): Robin Williams interpreta il ruolo di un medico che si pone il problema di quali siano i rapporti che deve mantenere con i suoi pazienti per poterli aiutare fino in fondo.

L’uomo bicentenario (1999): NDR-114 (Robin Williams) è un robot nuovo di zecca programmato per svolgere i lavori più umili e acquistato per occuparsi delle faccende di casa. Tuttavia, i Martin (la famiglia che ha acquistato il robot) si accorgeranno ben presto di non aver comprato un robot qualsiasi…