La polemica del momento tra Roberta Bruzzone e Virginia Raffaele che nella quinta puntata del serale di Amici 14 ha proposto una divertente imitazione che non è stata gradita dalla popolare criminologa tanto da avviare un’azione legale contro la comica di Amici 2015.

Roberta Bruzzone, attraverso la sua pagina Facebook, spiega cosa non gli è piaciuto dell’imitazione proposta dalla Raffaele:

“Non è per la parodia, perché i più importanti e noti personaggi sono stati oggetto di parodie, quindi in un certo senso, avrei potuto trovarlo anche lusinghiero, ma ciò che mi ha offeso profondamente è stato il taglio che questa volta la Raffaele ha dato al mio personaggio. Mi dipinge come una poco di buono e denigra il mio lavoro, insinuando che se ho riscosso successo professionale è perché ho concesso i miei “favori” a chi mi ha ospitato in trasmissione. Ecco, questo lo trovo veramente disdicevole ed offensivo; per di più da una donna questa performance che si alliea a quei clichè che appartengono al più becero maschilismo non me la sarei mai aspettata.

Già in precedenza si era cimentata nella mia parodia e già avevo avuto occasione di non apprezzarne la volgarità, ma nel passato era più collegata al mio personaggio quale conduttrice di una trasmissione televisiva e, seppur obiettivamente volgare, le espressioni erano abbastanza contenute e non le avevo avvertite quali un’offesa alla mia moralità, quindi ho tollerato ed ho lasciato stare. Adesso, i riferimenti sessuali e ad una procacità che non manifesto, tanto che vesto in modo assolutamente sobrio e mantengo sempre un atteggiamento professionale, unitamente alle offensive allusioni alla mia moralità, non mi consentono più di soprassedere. Inquietante poi il fatto che venga dipinta come una “portatrice di morte”, con la falce, come un personaggio direi satanico. E’ innegabile che le espressioni che ha utilizzato abbiano suscitato dispregio e dileggio. Questi in sintesi i motivi che mi costringono a prendere provvedimenti che avrei volentieri evitato.”

Una critica più che legittima anche se pare sia un po’ troppo pesante per un’imitazione che ha sicuramente accentuato, come sempre succede quando si viene imitati, le sfaccettature più caratteristiche di un personaggio.

Nella giornata di lunedì la Bruzzone decide di scagliarsi contro Selvaggia Lucarelli che la giornalista de Il Fatto aveva raccontato la vicenda della querela che aveva ricevuto dalla Criminologa:

“Leggo che la Bruzzone, in un tweet, lascia intendere di aver scomodato il suo favoloso team di legali per bastonare Virginia Raffaele che ha osato farne una parodia (divertente) ad Amici. Nella vita ho ricevuto un po’ di querele, alcune neanche le ricordo o non le ho mai sapute perchè finiscono archiviate e tanti saluti, ma la lettera dell’avvocato della Bruzzone per un mio servizio su Sky me la ricordo bene. Spiccava. Non solo per la pretestuosità degli argomenti (era un servizio innocuo e fu l’unica tra 100 servizi a offendersi), ma perchè inviò copia al Ministero delle pari opportunità per accusarmi di sessismo. AL MINISTERO DELLE PARI OPPORTUNITA’. (che come immaginerete s’è occupato della cosa. Come no.)
Ora, a parte che scomodare i tribunali per una parodia fa più ridere della parodia stessa, io al posto della Bruzzone della parodia sarei ben felice. La Raffaele è ben più simpatica e gnocca di lei. (tanto il ministero delle pari opportunità è stato abolito, magari scriverà alla Boldrini)” .

Roberta Bruzzone su twitter ha commentato: “Pensate anche quella candidata al Nobel della Lucarelli si è scomodata sulla vicenda con le sue perle… deve avere finito lo smalto..” Lo scontro ormai è tra titani.

Aggiornamento 13/05/2015: In un video pubblicato su YouTube da Carmelo Abbate, Roberta Bruzzone ha attaccato senza mezzi termini l’imitazione di Virginia Raffaele, che secondo la criminologa avrebbe squalificato la sua professionalità dipingendola come una donna che è diventata famosa grazie alla sua bellezza. La Bruzzone ha anche speso parole dure contro Maria De Filippi, colpevole di aver dato spazio all’imitazione. Ecco il video: