Robbie Williams e Gary Barlow si sfideranno, anche se amichevolmente, il prossimo mese. A novembre infatti sono previste le uscite dei due nuovi album degli artisti.

Per l’esattezza il 18 novembre sarà disponibile “Swing both ways”, il progetto di duetti swing di Robbie (che già nel 2001 conquistò le classifiche con una altro disco simile, “Swing when you are winning”); il 25 novembre è invece la volta di “Since I saw you last” di Gary. Inutile dire che entrambi gli artisti ambiscono alla prima posizione in classifica. A confessarlo è stato Robbie, dopo aver ricevuto il 21 ottobre il Q Award (categoria Idol) alla festa di premiazione organizzata dal celebre magazine britannico.

Ciuffo biondo e premio in mano, Williams ha dichiarato (come riporta il quotidiano The Mirror) di sentire la sfida: «Non so Gary, ma io sì. Se lo batterò? Be’, lui adesso è un tesoro nazionale», ha scherzato l’artista alludendo al fatto che Gary è stato incaricato di organizzare il grande concerto per il Giubileo di diamante della Regina Elisabetta II nel 2012 «Se riuscirà a vendere più di me, a vincere – be’, è stato in posti dove finora io non sono ancora andato, lo incoronerò» ha continuato a scherzare Robbie, citando tra le righe sia il proprio album precedente, “Take the crown”, sia il fatto che Gary è popolare giudice della versione britannica del talent X Factor «se non ci riuscirà, sarò molto contento lo stesso. E, comunque vada, che Dio lo benedica» ha concluso Robbie.

Che ha poi voluto parlare del nuovo album, rivelando che il primo singolo, “Go gentle”, parla della sua primogenita, la piccola Theodora Rose, di poco più di un anno: «Ha cambiato il mio modo di vedere le cose e mi ha ancorato alla Terra. Non che prima fosse un posto brutto, il nostro pianeta, ci galleggiavo intorno, ma adesso tutto per me ha un nuovo significato. Ora sono davvero presente perché lei merita il meglio di me. Quindi preparatevi, diventerò molto noioso: ho così tante canzoni da scrivere su di lei…» ha scherzosamente minacciato Robbie.