Disponibile una nuova clip per l’atteso film Risorto, in uscita il 17 marzo nelle sale italiane.

La pellicola, che non a caso esce in pieno periodo pasquale, si ripromette di raccontare la vicenda biblica di Gesù Cristo attraverso una prospettiva inedita, come se si trattasse di un’indagine poliziesca.

A dirigere Risorto è Kevin Reynolds, già dietro la macchina da presa di kolossal come Waterworld, Robin Hood – Il principe dei ladri e Rapa Nui, il quale si è detto molto interessato a ripercorrere tutti i fatti susseguenti la morte e la resurrezione del figlio di Dio dal punto di visto di un legionario romano inizialmente scettico su quello che è uno dei massimi dogmi – se non il principale – del cristianesimo.

È l’attore Joseph Fiennes a vestire i panni di Clavius, tribuno militare che viene incaricato da un Ponzio Pilato molto preoccupato per le ripercussioni della sua decisione di rintracciare il corpo di Gesù, scomparso dopo la crocifissione e la sepoltura.

Insieme a lui l’aiutante Lucius, che viene interpretato da Tom Felton, che forse I fan ricorderanno come il Draco Malfoy della saga di Harry Potter.

Fiennes ha raccontato di aver voluto seguire la pista dell’interpretazione poliziesca: “Il mio modo di ritrarre Clavius è stato ispirato dalle nozioni di un detective su come focalizzare dei sospetti. Anche se questa è una storia biblica, volevo essere pragmatico riguardo al comportamento di Clavius, perché la mia percezione era quella di un noir”.

Quella di Ponzio Pilato è la paura di un impero che sta per essere completamente trasformato dall’avvento del cristianesimo, anche se nel film chiaramente sono raccontati i prodromi di una possibile rivoluzione a Gerusalemme che si rivelerebbe fatale per l’Impero Romano.

Nel frattempo Clavius nella sua indagini incontrerà vari personaggi che fanno parte dei Vangeli, tra cui gli Apostoli, Maria madre di Gesù e Maria Maddalena.

Nella clip assistiamo alla lettura di una lettera vergata da Clavius da parte di Lucius: nella missiva, lasciata dopo la sua scomparsa, il legionario afferma di non riuscire a comprendere il mistero dietro la resurrezione di Gesù, dovendo così partire alla ricerca di una soluzione.