Pretty Woman”, il film che ha fatto, e che continua ancora a far sognare e piangere ragazze e donne di ogni età in qualsiasi parte del mondo.

La storia di una prostituta che incontra il grande amore e vive per sempre felice e contenta. Chi non vorrebbe una storia così?

E invece il protagonista maschile della storia, Richard Gere, che nella pellicola interpreta Edward Lewis, il freddo e calcolatore uomo d’affari che fa innamorare la bella e sfortunata Vivian (Julia Roberts), ha detto, in una recente intervista rilasciata al settimanale australiano “Woman’s Day”, che il film è “una stupida commediola” per aggiungere poi

La gente me lo chiede ancora, ma io l’ho dimenticato.

Secondo l’attore americano nel film faceva si è fatta passare un’immagine falsata degli uomini d’affari, che era quella prevalente degli anni ’80, e in cui lui, ormai sessantaduenne, non si riconosce più.

Non lesina parole neanche su tutti i flirt che gli furono attribuiti in quegli anni, quando Richard Gere era parte fondamentale dell’immaginario romantico ed erotico di molte donne, come quello con Kim Basinger o Uma Thurman.

Un periodo che l’attore preferisce cancellare e buttare alle spalle, senza considerare che se oggi il suo nome e il suo volto sono ancora famosi e riconosciuti in tutto il mondo, lo deve a film come “Pretty Woman” o “America Gigolò”.