Il blog dell’attrice Gwyneth Paltrow è finito nuovamente nella bufera per aver tentato di riaccendere i riflettori su una teoria circolata fino a qualche tempo fa: il reggiseno può provocare il cancro al seno? Il post “incriminato” non è stato scritto da Gwyneth Paltrow da dal dottor Habib Sadegli, guru della medicina olistica, mentore della stessa attrice e da tempo anche collaboratore del suo blog (non è difficile trovare altri sui pezzi sul sito della Paltrow).

L’idea che indossare il reggiseno per lungo tempo possa far aumentare le probabilità di sviluppare un cancro al seno, iniziarono a circolare dal 1995, quando due medici antropologi, Sydney Ross Singer e Soma Grismaijer, ne parlarono all’interno di un loro libro dedicato proprio all’argomento (Vestiti per uccidere: il legame tra cancro al seno e reggiseno). I due ricercatori sostenevano la tesi secondo cui indossare il reggiseno per più di dodici ore al giorno possa contribuire a sviluppare un tumore alla mammella.

Oltre al fatto di non indossare per così tante ore il reggiseno, il guru Sadegli ricorda alle lettrici del blog di Gwyneth Paltrow di non indossare neppure reggiseni col ferretto, perché questi provocherebbero maggiore assorbimento delle radiazioni provenienti da dispositivi wireless (per tale ragione non si dovrebbe mai riporre il cellulare nelle tasche all’altezza del seno o nel reggiseno).

Tutte dichiarazioni, quelle pubblicate sul sito, che sono diventate immediatamente bersaglio da parte di tantissimi medici. In realtà non vi sarebbe alcuna prova scientifica sulla correlazione tra cancro alla mammella e reggiseno e anzi, gli studi effettuati finora tenderebbero addirittura a negare del tutto che possa esservi questa possibilità. Uno dei medici che ha commentato le affermazioni del medico olistico guru di Gwyneth Paltrow avrebbe addirittura affermato che quelle dichiarazioni, oltre ad essere del tutto ridicole, potrebbero contribuire a far spaventare, in modo ingiustificato, tutte le donne.