Il 10 giugno del 2004, a 74 anni, ci lasciava una delle leggende del soul, nonché uno dei più grandi musicisti di sempre, Ray Charles.

Rimasto completamente cieco quando aveva soltanto 8 anni (a causa di un glaucoma), riesce a raggiungere un successo planetario alla fine degli anni Cinquanta, incidendo canzoni quali “What’d I say“, “Georgia on my mind” (che potete ascoltare in un’esibizione live nel video che vi proponiamo) e successivamente “Busted”, “Take these Chains from My Heart” ,”Here We Go Again”,  ”I Can’t Stop Loving You” e ”Hit the Road Jack”.

Uno dei grandi meriti di Ray Charles è stato quello di a miscelare una combinazione di vari generi musicali, fra cui il gospel e il jazz e soprattutto di aver contribuito a diffondere la musica country.

Celebri sono state anche alcune sue apparizioni al cinema: “The Blues Brothers di John Landis nel 1980; “Spia e lascia spiare” di Rick Friedberg nel 1996 e “Piano Blues” di Clint Eastwood nel 2003.

Nel 2004 Jamie Foxx ha vestito i panni di Ray Charles nella pellicola autobiografica “Ray“. Nel film si raccontano anche i problemi che il musicista ha avuto con l’eroina, che ha assunto per circa 20 anni della sua vita, salvo poi riuscire a disintossicarsi.