Stanno facendo molto discutere gli annunci dei nuovi palinsesti dei canali principali della Rai, e in particolar modo quelli di Rai 3, assegnata alla nuova direttrice Daria Bignardi.

L’ex conduttrice ha illustrato i nuovo programmi davanti alla commissione parlamentare di Vigilanza, e tra le decisioni più eclatanti c’è anche della cancellazione di Ballarò, già annunciata in sordina qualche tempo fa.

È la stessa Bignardi a spiegare che il programma di approfondimento politico è stato chiuso a causa di “motivi legati al suo format”. Ma lo spazio dedicato all’argomento non rimane affatto sguarnito, dato che nel corso della conferenza stampa è arrivata la notizia dell’acquisto del giornalista Gianluca Semprini, appena dimessosi da Sky, il quale riceverà l’incarico di occuparsi di un nuovo programma a carattere informativo che andrà in onda proprio il martedì.

Il repulisti della Bignardi segue un’idea di svecchiamento e di adeguamento ai canoni stranieri del format del talk show: “All’estero durano al massimo 78 minuti. Ce lo siamo inventati noi il lenzuolo della prima serata. 90 minuti è il formato giusto per un progetto che darà importanza alle immagini e al lavoro di ricerca dei personaggi della politica”, così ha giustificato la sua scelta la direttrice di Rai 3.

Sconvolgimenti anche per Fabio Fazio e Milena Gabanelli: Che tempo che fa e Report si sovrapporrebbero inutilmente nella giornata di domenica, e quindi il programma di inchiesta verrà spostato al lunedì (accompagnato da Presadiretta di Riccardo Iacona), mentre lo show culturale si vedrà togliere il sabato ma si allungherà la domenica, raggiungendo la durata monstre di tre ore.

Conferme e novità celebri sono quelle di Alberto Angela, Alessandro Baricco (letture di romanzi e probabilmente uno show a carattere culturale-letterario) e Conchita De Gregorio, alla quale verrà affidato un programma di attualità.

Gad Lerner invece sarà alla guida di Islam Italia: sei puntate di 40 minuti in onda in seconda durata, che proporranno inchieste sulla presenza dell’Islam in Europa e nel nostro Paese. Confermato anche lo sbarco di Rischiatutto su Rai3, e poi Gazebo di Zoro, cui è stata affidata anche una striscia alle 20.10 con particolare attenzione ai social.

Per quanto riguarda le altre reti non si può non citare il ritorno (ancora da ufficializzare) di Michele Santoro dopo il suo addio polemico di cinque anni fa: al giornalista è stato proposto un contratto come autore di docufiction per Rai 2. Sulla stessa rete potrebbe sbarcare in seconda serata anche Giuliano Ferrara, come autore del nuovo programma di Pietrangelo Buttafuoco.