Nuovo scandalo sessuale per il cantante R. Kelly, al secolo Robert Sylvester Kelly: un’inchiesta del sito Buzzfeed avrebbe infatti rivelato che nelle sue abitazioni tra Chicago e Atlanta vi sarebbero numerose schiave sessuali.

La tesi investigativa del giornalista Jim DeRogatis è stata smentita immediatamente dai legali del cantante, i quale hanno definito la rivelazione come “notizie false e diffamatorie nei confronti di un artista che lavora 24 ore su 24 e che adora i suoi fan. Kelly ha diritto a una vita privata. Rispettatela”.

L’inchiesta si baserebbe sull’intervista a una ragazza della Georgia che aveva conosciuto Kelly durante un concerto in Italia. Dopo avergli chiesto alcuni consigli su come avviare la propria carriera artistica, la donna allora diciannovenne sarebbe stata plagiata e convinta a lasciare la famiglia per trasferirsi con la celebrità.

I genitori avrebbero descritto la ragazza come cambiata nel comportamento e nell’attitudine, come se fosse stata sottoposta al lavaggio del cervello. La figlia avrebbe continuato a ripetere che Kelly era l’unico che l’amava davvero.

Secondo DeRogatis sarebbero almeno sei le ragazze che si troverebbero in queste condizioni, controllate in modo maniacale dal cantante, che imporrebbe loro cellulari dalla rubrica contenente solo il suo numero, e imposizioni su alimentazioni e abbigliamento, con tanto di punizioni verbali e corporali.

Il giornalista riferisce che la polizia non potrebbe fare nulla perché si tratta di donne maggiorenni e consenzienti, e il sito Tmz, che si è occupato del caso, ha pubblicato un filmato in cui la ragazza in cui questa afferma di essere nel pieno possesso delle proprie facoltà mentali e di aver scelto di lasciare la famiglia volontariamente.

In passato R. Kelly era stato accusato di aver prodotto un filmato pedopornografico, ma era stato assolto in tribunale, e quindi il suo matrimonio con Aaliyah era stato annullato perché all’epoca delle nozze questa aveva 15 anni, nonostante l’artista avesse tentato di farla passare per una diciottenne.