Non è andata in scena alla Academy di Los Angeles la premiere di Django Unchained, il nuovo film di Quentin Tarantino. Una scelta giusta, dettata dal lutto per la strage nella scuola Sandy Hook Elementary che ha spinto l’organizzazione ad annullare la festa per il lancio del film.

Un portavoce della Weinstein Company (casa di produzione e distribuzione del film) ha dichiarato: ‘‘I nostri pensieri vanno alle famiglie colpite dalla tragedia di Newtown e in questo momento di lutto abbiamo deciso di soprassedere all’evento”. Non si sa, quindi, se si tratta di un annullamento definitivo o se ci potrà essere un rinvio, il film in ogni caso uscirà ugualmente nelle sale Usa a Natale e in Italia il 17 gennaio.

Non è stato felice però della notizia il regista che, polemizzando sulla scelta impostagli dall’alto ha detto: “C’è violenza nel mondo, le tragedie accadono, date la colpa ai responsabili. Il mio è un western, smettetela”. Di parere del tutto opposto, invece, l’attore protagonista Jamie Foxx: «Non possiamo voltare le spalle e dire che che la violenza nei film o ciò che facciamo non ha nessuna influenza. Al contrario»