Dopo lunghe e travagliate giornate finalmente l’Italia ha un nuovo Presidente, Sergio Mattarella. Come prassi vuole, da ora in poi il web e i giornali saranno invasi di indiscrezioni più o meno vere sulla sua vita, vita collegata a filo doppio con la Democrazia Cristiana.

Proprio in questi giorni è saltato fuori un suo vecchio intervento, risalente al 1990, quando ricopriva la carica di Ministro della Pubblica Istruzione. Oggetto della discussione era Madonna che con il suo tour “Blond Ambition” si apprestava a riempire gli stadi di Roma e Torino proprio nell’estate di quell’anno. Scontate le critiche della Conferenza Episcopale Italiana che bollava Veronica Ciccone come eretica, blasfema e deviante. Anche Mattarella all’epoca non si risparmiò additando la cantante tanto da criticarne “lo scarso contenuto artistico e la volgarità nel mescolare sacro e profano”. Fortunatamente  c’era chi difendeva Madonna a spada tratta anche dal parlamento:

“La deputata radicale Ilona Staller, in una dichiarazione, esprime la sua solidarietà alla cantante Madonna, che nei giorni scorsi è stata fatta oggetto di critiche, per il suo concerto, da esponenti del mondo cattolico. Nella dichiarazione, Ilona Staller polemizza in particolare con il ministro della Pubblica Istruzione, il democristiano Sergio Mattarella, invitandolo a «preoccuparsi dell’informazione sessuale nelle scuole» invece di occuparsi «del carattere educativo dei concerti rock» (ANSA, 6 luglio 1990)”.

Foto: Infophoto