Si intitola Porno contro amore il nuovo album di Enzo Ghinazzi in arte Pupo, che torna così alla sua prima passione, ovvero la musica. “Mi ricordo ancora quando arrivai qui a Milano nel 1975, in Piazza della Repubblica, dove aveva sede la Baby Records. È lì che nacque Pupo e, lo devo ammettere, all’inizio non fu facile abituarmi a sentirmi chiamare così” – racconta lo showman, che con questo album ha voluto mettersi a nudo, senza alcun filtro, nel bene e nel male - “Tutti sanno che io ho fatto una scelta sentimentale azzardata, perché amo due donne: Anna, che ho sposato 42 anni fa e Patricia, con cui ho una relazione da 27 anni. Poi sono ben noti anche i miei problemi con il gioco d’azzardo, che mi ha fatto passare dalla ricchezza all’indigenza. C’è stato poi un altro momento complesso della mia vita, ovvero quello della dipendenza sessuale: Porno contro amore parla proprio di questo, della mia compulsività dei confronti del sesso”.

Una dipendenza da cui, per fortuna, è guarito: “Ora mi sento un uomo nuovo: sono tornato ad essere sessualmente e sentimentalmente equilibrato, ma sono anche riuscito a risollevarmi dal punto di vista economico tanto che mi sono ricomprato tutto. Insomma, io ce l’ho fatta e mi piacerebbe essere un esempio per chi sta passando quello che ho vissuto io. Spesso ci si vergogna dei propri problemi, soprattutto se si tratta di dipendenze, ma non bisogna farlo anche perché è molto peggio l’alone di ipocrisia che spesso ci circonda”.

All’incontro milanese con la stampa ad accompagnare Pupo c’era un suo nuovo amico, Giuseppe Cruciani, che è stato uno dei primi a raccogliere le sue pruriginose confessioni: “Di solito non lego con chi intervisto” – ammette il giornalista (conduttore de “La Zanzara” su Radio 24) - “Però ho notato in lui un’onestà che in altri (più esibizionisti e a caccia di un titolo sul giornale) non ho trovato. È nato così un feeling spontaneo tra di noi”. Cruciani ha così diretto il videoclip che accompagna il primo singolo estratto dall’album, ovvero la title-track Porno contro amore.

Nonostante questo per Pupo sia un ritorno con il botto, ci dà una brutta notizia: “Questo è l’ultimo disco di inediti che realizzo nella mia carriera, ho chiuso con la produzione di canzoni. Continuerò a cantare, anche perché la musica è il mio primo amore, ma dovrete accontentarvi del repertorio già noto”.

In compenso continuerà la sua avventura televisiva: “Condurrò un paio di prime serate su Raiuno e poi ho diverse idee che vorrei proporre”. E sull’avventura (o sventura) di Agon Channel dice: “È stata un’esperienza straordinaria e unica, soprattutto dal punto di vista umano. Per otto mesi ho fatto avanti e indietro dall’Albania, confrontandomi con professionalità ancora da formare, ma mi è piaciuto accettare questa sfida. Certo, non è andata poi come speravamo, ma io sono abituato a perdere. Una cosa è certa: se mi arriveranno quei soldi che ancora mi devono, li darò ai concorrenti dei miei quiz che non hanno mai ricevuto le cifre vinte”.

In attesa di vederlo tornare sul piccolo schermo, i fan di Pupo potranno vederlo dal vivo dato che sta per partire con il suo nuovo tour italiano. Questo mentre continua ad essere richiestissimo all’estero, soprattutto in Russia: “Lì artisti come me, iRicchi e Poveri, Albano e Toto Cutugno non sono considerati revival, ma glamour”.