Anthony Hopkins, Jeffrey Dean Morgan e Colin Farrell: questo il terzetto di star protagonista di Premonitions, il thriller paranormale da qualche tempo nelle sale cinematografiche italiane.

Il film porta la firma di Alfonso Poyart, cineasta brasiliano che ha al suo attivo un’opera rivelazione del suo talento come 2 Coelhos – Two Rabbits, e quella degli sceneggiatori Sean Bailey e Ted Griffin.

Uno script che inizialmente avrebbe dovuto essere la base per il seguito del cult Seven di David Fincher, ma che poi ha trovato una propria strada del tutto originale e differente diventando Premonitions (qui potete vedere il trailer del film).

I due film hanno però in comune un elemento, quello del serial killer su cui sta investigando senza troppa fortuna l’agente speciale FBI Joe Merriwether: per fermare la scia di omicidi efferati l’uomo deve chiedere aiuto a un anziano collega in pensione, il dottor John Clancy.

Questi è un ex psicanalista che ha collaborato tante volte con la polizia, ma sopratutto è dotato di un dono, quello della preveggenza: Clancy è infatti capace di avvertire percezioni che si rivelano veritiere, nella forma di visioni dai contorni sfumati; il suo desiderio di aiutare il prossimo è però scomparso da quando la figlia è morta e il suo matrimonio è andato in pezzi.

L’anziano sensitivo troverà ben più di un punto di contatto con il killer, tale Charlos Ambrose, che per la propria missione caritatevole (una sorta di “eutanasia preventiva”) utilizza poteri ancora più forti rispetto a quelli del suo più attempato omologo. Clancy dovrà tornare in pista per evitare la morte di Katherine Cowles (Abbie Cornish), giovane collega di Joe di cui ha visto l’inevitabile morte. Riuscirà l’uomo a cambiare il destino che vede srotolarsi davanti a sé?

Sono state pubblicate in questi giorni tre clip tratte dal film che ci permettano di entrare meglio nella storia.

Nella prima osserviamo Clancy mentre è intento a studiare i documenti del caso che gli è stato sottoposto. In modo misterioso lui e Charles Ambrose sembrano condividere un legame telepatico che sconvolge lo psicanalista in pensione.

Nella seconda clip Clancy e Merriwether sono in macchina e questi sta chiedendo al suo collaboratore di aiutarlo a risolvere il caso affidandosi alle sue visioni. Il veggente però è troppo sconvolto dalle immagini che passano attraverso i suoi occhi e non riesce a confidarsi con l’amico.

Il terzo filmato ci presenta invece il killer, Charles Ambrose, che si presenta al team che lo sta cercando e in particolar modo a Katherine. L’assassino seriale si mostra sicuro di sé e demolisce punto per punto quelli che sono gli elementi più ricorrenti degli identikit di figure del suo genere: Ambrose è certo di non poter essere trovato con mezzi convenzionali.