Si sono spenti i riflettori sulla Croisette. Attori, registi, giornalisti e fotografi se ne tornano a casa dopo quasi due settimane di duro lavoro, alcuni molto felici e altri molto delusi.

Tra i felici sicuramente Michael Haneke e Matteo Garrone – rispettivamente Palma d’Oro e Grand Prix della Giuria – tra i delusi sicuramente Cronemberg, che, nonostante fosse tra i favoriti, non ha ricevuto nessun premio.

A presiedere la Giuria che ha assegnato i premi Nanni Moretti, uno degli habitué del Festival di Cannes che ha rivelato, in sede si conferenza stampa, che l’assegnazione dei premi non è stata semplice e che

Nessun premio è stato dato all’unanimità

Per rispondere a chi ha insinuato una preferenza alle produzioni europee a discapito dei tanti film americani indipendenti presentati quest’anno a Cannes.

Di seguito l’elenco dei premiati:

Miglior regia: Carlos Reygadas per “Post tenebras lux”.
Premio della giuria: “The Angels’ Share” di Ken Loach.
Miglior interprete maschile: Mads Mikkelsen “The Hunt” di Thomas Vinterberg
Miglior interprete femminile: ex aequo a Cosmina Stratan e Cristina Flutur, per “Beyond the Hills” di Christian Mungiu.
Miglior sceneggiatura: “Beyond the Hills” di Christian Mungiu
Miglior cortometraggio: “Silent” di  Rezan Yesilbas
Il premio Camera d’Or (premio assegnato al miglior esordiente): “Beasts of the southern wild” di Benh Zeitlin.