Si è conclusa il 24 marzo la decima edizione dell’Asian Film Festival, la kermesse cinematografica emiliana che, da dieci anni, si impegna per portare il cinema e la cultura asiatica in Italia.

Una rassegna che ha visto aumentare di anno in anno la partecipazione di pubblico e il consenso degli esperti e degli addetti ai lavori.

La giuria di questa decima edizione dell’Asian Film Festival era composta da Claudio Sestrieri, regista, autore e scrittore, Roberto Silvestri, critico cinematografico, e Alberto Farina, giornalista e critico cinematografico.

I tre esperti hanno assegnato il premio come miglior film a Eric Khoo e al suo biopic di animazione “Tatsumi”, incentrato sulla vita di Tatsumi Yoshihiro, uno dei più grandi fumettisti giapponesi.

Il premio come miglior regista è andato al cinese Wang Chaocon per il drammatico “Celestial Kingdom”, Wang Baoqiang è stato, invece, premiato come miglior attor per l’interpretazione in “Mr Tree” e Nikki Hsieh ha ricevuto il premio come migliore attrice per “Make Up”.

L’ultimo premio, quello per la miglior opera originale, è andato a Cheng Fen Fen per “Bear It”.

‘Un festival che è cresciuto molto di anno in anno e che conferma l’interesse italiano per la cultuta e l’arte orientale, grazie anche al sostegno di una istituzione come la Fondazione Palazzo Magnani, che ha contribuito a fare di questo festival un’occasione di scambio e arricchimento culturale.