La celebre casa di moda italiana Prada è stata costretta a ritirare uno dei suoi ultimi spot. Il motivo? La pubblicità ritraeva una modella dai tratti troppo infantili ed è stata accusata dall’ASA, l’Advertising Standards Authority che controlla gli spot, di aver “trasformato una bambina in un oggetto sessuale”.

Nella pubblicità realizzata per Prada, si vede la modella Mia Goth spiata attraverso una porta in tre stanze differenti. Uno spot che propone una storia stratificata e complessa, ma che secondo l’azienda gestita da Miuccia Prada non avrebbe l’intento di passare alcun messaggio di tipo sessuale.

Inoltre, a lasciare interdetti riguardo a questa decisione da parte dell’ASA è l’età della protagonista scelta: Mia Goth, modella ma anche attrice inglese comparsa in Nymphomaniac di Lars von Trier, ha 22 anni. Capita invece spesso di assistere a campagne pubblicitarie con modelle minorenni che però non hanno avuto alcun tipo di ostacolo da parte dell’Authority.

https://twitter.com/guardian/status/595864122929057792/

In difesa di Prada arrivano le parole dell’edizione britannica di Vogue. La popolare rivista di moda sostiene che lo spot è “sofisticato” e non ha avuto alcuna lamentela da parte dei suoi lettori in proposito.

Secondo l’Advertising Standards Authority, che ha deciso di vietare la pubblicità, la modella Mia Goth ha un aspetto troppo giovanile, con un look troppo leggero e vestiti eccessivamente larghi che farebbero pensare che abbia un’età inferiore ai 16 anni, anche se in effetti così non è.

L’ASA a proposito della modella presente nello spot di Prada ha sottolineato che: “La sua bocca socchiusa e il lenzuolo stropicciato rafforzano l’impressione che la sua posa sia concepita per essere sessualmente evocativa. Abbiamo considerato la sua apparenza giovanile, insieme alla sua posa. Sembra che lo spot trasformi la bambina in un oggetto sessuale. […] Abbiamo invitato Prada a non realizzare in futuro pubblicità inappropriate”.

Per la casa di moda italiana non si tratta dei primi guai con l’Advertising Standards Authority. Già nel 2011, l’ASA aveva bandito un altro spot di Prada, che vedeva come protagonista l’attrice allora quattordicenne Hailee Steinfield.