Brian Molko, Stefan Olsdal e Steve Forrest: facile nominare i membri del trio dei Placebo, ma è molto meno semplice descrivere la camaleontica proposta musicale della band che a partire dalla metà degli anni ’90 ha conquistato il pubblico con un look molto androgino.

Glam rock, elettronica, suggestioni gotiche e post-punk, brandelli di industrial e progressive rock. I critici impazziscono nel tentativo di catalogare la musica dei Placebo, che se ne infischiano e proseguono imperterriti per la loro strada di sperimentazione e successi.

Il gruppo, giunto al settimo album in studio, è attualmente impegnato nel Loud Like Love Tour, a supporto dell’omonimo lavoro discografico, che domani li porterà all’Ippodromo del Galoppo di Milano e il 24 luglio a Roma presso l’Ippodromo delle Capannelle.

I milanesi potranno godere dal vivo delle hit di Molko e soci a partire dalle 21. Arduo scegliere i brani preferiti all’interno di una carriera così variegata, che ha portato alla vendita di dieci milioni di dischi in tutto il mondo.

Ma siamo sicuri che i Placebo riusciranno ad accontentare tutti.