Da sempre contro i talent, se la prende con Maria De Filippi, e non solo, per la bassa qualità dei programmi.

Pippo Baudo ha cominciato a fare televisione nel remoto 1959, le cose andavano ben diversamente da oggi, ed è per questo che da anni ormai è polemico nei confronti di quel che ci propinano sul piccolo schermo. Insieme a lui, a scrivere la storia della televisione italiana, sono stati tanti illustri personaggi ormai scomparsi.

Forse si sente solo, può anche essere la nostalgia di un tempo che fu accompagnata dall’ormai quasi totale assenza dalla ribalta televisiva. Di qualsiasi cosa si tratti, Pippo Baudo se la prende con il modo di fare televisione dei tempi moderni e punta il dito contro Maria De Filippi, la regina degli ascolti televisivi. La sua colpa è quella di fare programmi mediocri che hanno contribuito al decadimento della televisione italiana.

Al settimanale ‘Diva e Donna’, pur ammettendo l’intelligenza di Maria De Filippi, Pippo Baudo la attacca spiegando come avesse tentato di darle qualche suggerimento per riportarla sulla retta via:

Una volta ho incontrato Maria De Filippi al San Raffaele quando ero ricoverato con Maurizio Costanzo e le dissi: Maria, perché non provi ad alzare un minimo la qualità dei tuoi programmi? Bastava poco ma niente: lei è furbissima nel costruire queste macchinette che funzionano, dall’impaginazione perfetta.

Giusto per non dimenticare nulla, Pippo Baudo aggiunge: Sotto il vestito poco e niente. Vedo le star americane ospiti del suo Amici che si addormentano in trasmissione mentre stringono in tasca l’assegno. Che me ne fotte di un Al Pacino che se ne sta lì e non vede l’ora di svignarsela? Io, le mie star, i Sean Connery o le Sharon Stone, le ho sempre costrette a conversare con me.

In effetti, la stessa Maria De Filippi si era lamentata in particolare di Harrison Ford che, nonostante il cospicuo compenso, sembrava vivesse su un altro pianeta.

Un pensiero va anche agli altri talent, nessuno escluso, anche quelli dietro i fornelli:

Abbiamo talenti ovunque. Ne sforniamo in continuazione e poi non sappiamo che farne. Che pena vedere questa Chiara Galiazzo fare la comparsa in uno spot pubblicitario. Presentata come la nuova Celine Dion, poi la vedo che si affaccia da un finestrino.

Qualcuno si salva secondo Pippo Baudo? Sì! Piero Angela, Michele Santoro, Giovanni Floris e Lilli Gruber. Complimenti anche a Piero Chiambretti (“il più moderno di tutti”) e Luciana Littizzetto (“non ha bisogno di certe volgarità, non le aggiungono nulla”).

Se ne faccia una ragione Pippo Baudo, in autunno arriverà Amici 13, Italia’s got talent 5 e, se ancora non gli basta, anche Ballando con le stelle 9.