Il grande amore del pubblico per Pino Daniele, scomparso nella notte tra domenica e lunedì a causa di un infarto, ha fatto sì che in tanti si siano recati alla camera ardente allestita presso l’ospedale Sant’Eugenio di Roma. La famiglia ha però scelto di chiuderla anticipatamente, per potersi stringere attorno al proprio familiare scomparso e per vivere più serenamente il tragico momento.

Una decisione parzialmente rivista in seguito, dato che la camera ardente di Pino Daniele è stata riaperta per permettere l’accesso a tutti coloro che erano già in fila per rendere omaggio al cantante napoletano e per essere chiusa di nuovo subito dopo. Una scelta che non è stata apprezzata da tutti coloro che non sono riusciti ad entrare per dare il loro estremo saluto a Pino Daniele. Come rivelato dal musicista Enzo Gragnaniello però, la scelta di tenere chiusa la camera ardente avrebbe potuto essere dettata anche da un’altra ragione: a quanto pare qualcuno sarebbe riuscito a scattare una fotografia alla salma del cantante e l’avrebbe postata sui social. Un atto irrispettoso che avrebbe profondamente, e giustamente, turbato la famiglia di Pino Daniele.

Ad ogni modo il web non è solo un mezzo per dare spazio a chi si rivela essere poco sensibile e intelligente: proprio su Facebook, infatti, i fans hanno lanciato un grande flash mob, Napoli per Pino Daniele. L’appuntamento è per stasera alle 20:45, presso piazza del Plebiscito a Napoli; i funerali del cantante partenopeo saranno invece celebrati alle ore 11 di domani. Si spengono dunque anche le polemiche che avevano investito la scelta di celebrare i funerali a Roma e non a Napoli: le ceneri di Pino Daniele saranno poi trasportate nella sua città natale, dove il cantante riposerà.

(photo credit by: Infophoto)