A pochi giorni dalla morte di Pino Daniele e dallo svolgimento dei suoi funerali – avvenuti sia a Roma sia a Napoli - i primi esiti dell’autopsia hanno rivelato che il musicista napoletano sarebbe morto in seguito ad un’insufficienza cardiaca. Un risultato che avrebbe convinto il perito dell’ex moglie di Pino Daniele, Fabiola Sciabbarasi, a ritenere che il cantante avrebbe potuto forse essere soccorso in modo più efficiente. E la domanda più pressante e urgente resta dunque questa: Pino Daniele avrebbe potuto salvarsi?

Dall’autopsia è risultato, come già noto, che il cantante soffrisse di cardiopatia cronica. Per gli altri esiti, soprattutto quelli in merito agli esami microscopi di laboratorio, si dovrà attendere ancora qualche giorno ma i risultati potrebbero essere di grande aiuto per gli inquirenti. L’autopsia e le indagini si sono rese necessarie per porre luce su quanto accaduto la notte in cui Pino Daniele ha avvertito il malore: il cantante, che si trovava nella sua casa toscana, avrebbe infatti cercato di raggiungere il suo cardiologo di fiducia, a Roma, non riuscendo però a giungere in vita nella Capitale.

La seconda moglie di Pino Daniele, Fabiola Sciabbarasi, madre di tre dei suoi cinque figli, ha detto di voler assolutamente scoprire se i fatti accaduti nel corso della drammatica notte siano effettivamente quelli che sono stati raccontati. Con Pino Daniele, proprio quella notte, sarebbe stata presente la sua attuale compagna.

A confermare l’ipotesi che ci sarebbero dubbi sull’efficacia dei soccorsi ricevuti da Pino Daniele, arrivano anche le dichiarazioni rilasciate dalla professoressa Luisa Regimenti, perito di parte della Sciabbarasi, che in un’intervista a La Repubblica, pur restando sul generico, nel pieno rispetto dell’indagine in corso, avrebbe dichiarato che se l’esito dell’autopsia sul corpo del cantante dovesse essere confermato, significherebbe che Pino Daniele non è morto per un infarto fulminante massivo. Un caso, il suo, in cui di solito si può e si deve intervenire perché nelle primissime ore ci sarebbero possibilità di salvezza. 

(photo credit by: Infophoto)