I seggi per la votazione al referendum costituzionale rimarranno aperti fino alle 23 di questa sera, ma sul web già si è acceso un grosso dibattito innescato da Piero Pelù.

Il cantante qualche ora fa ha pubblicato sulla sua pagina Facebook le foto delle matite usate nel seggio, affermando di aver provato il fatto che non fossero indelebili:

“LA MATITA CHE HO USATO PER VOTARE ERA CANCELLABILE. Dopo aver provato su un foglio e averlo constatato ho denunciato la cosa al presidente del mio seggio. Fatelo pure voi è un vostro diritto!”.

Annesse alle immagini delle matite Pelù ha postato anche la foto della sua denuncia esposta al presidente del seggio in cui si legge:

“Il votante PieTro Pelù tessera elettorale n. 078449246 ha posto il problema che la matita per la votazione data in dotazione facendo una prova su un foglio risulta NON-INDELEBILE“.

La protesta è scoppiata in men che non si dica tanto che il post del cantante ha raggiunto migliaia di like e commenti, anche se c’è chi fa notare che la matita è cancellabile su carta normale ma non sulla scheda: “Sulla carta normale si cancella, è sulla scheda che se provi a cancellarla fai un pastrocchio! Perché è una carta diversa! Basta con ste teorie complottiste dai!“; “Credo che con la tua “denuncia” ci si faranno grassissime risate in tutta Italia. Ovviamente sulla carta si “cancella” perché la gomma porta via la grafite, ma la gomma NON porta via le altre sostanze che sono AGGIUNTE alla grafite nelle matite copiative“; “Ciao Piero, ti rispondo da Palermo. Sono Presidente di Seggio, anche i miei elettori hanno voluto verificare la matita copiativa. Ho dimostrato che su un foglio normale (foglio dove hai provato tu la matita) la matita si cancella. Invece, nella scheda elettorale, composta da un tipo di carta inchiostrata, la matita traccia un segno indelebile“.