Scompare all’età di 46 anni Philip Seymour Hoffman, premio Oscar come come miglior attore protagonista nel 2005 per il ruolo di Truman Capote in A sangue freddo. L’uomo, che tempo fa aveva ammesso di essere dipendente da eroina, è stato trovato privo di vita nella sua abitazione a New York, nel quartiere di Manhattan. Causa del decesso, probabilmente, una overdose.

Il primo vero ruolo interpretato da Hoffman in una produzione hollywoodiana è arrivato con Scent of a Woman – Profumo di donna, del 1992. Negli anni successivi è protagonista di diversi film di grande successo, quali Boogie Nights, Il grande Lebowski, Happiness, MagnoliaIl talento di Mr. RipleyQuasi famosiUbriaco d’amoreRed Dragon e La 25ª ora. Attivo anche a teatro, si aggiudica un Tony Award quale miglior attore da palcoscenico del 2000.

Nel 2005 la sua interpretazione di Truman Capote nel film Truman Capote – A sangue freddo lo consacra come uno dei massimi esponenti della cinematografia mondiale. Per questa interpretazione si aggiudicherà diversi premi internazionali, tra cui l’Oscar al miglior attore protagonista e il British Academy of Film and Television Arts. Successivamente viene nominato all’Oscar al miglior attore non protagonista per tre volte: nel 2008 per La guerra di Charlie Wilson, nel 2009 per Il dubbio e nel 2013 per The Master.

Hoffman era unito da una relazione sentimentale alla costumista Mimi O’Donnell, conosciuta nel 1999 in Arabia Saudita sul set dell’opera teatrale We’d All Be Kings da lui diretta. Dall’unione sono nati tre figli, Cooper Alexander (2003), Tallulah (2006), Willa (2008).

(Foto by InfoPhoto)