Un programma che sembra uscito dalle mente dei migliori videomakers, un linguaggio televisivo completamente nuovo per Rai Uno che ha sperimentato in una  serie di puntate andate in onda lo scorso settembre (ecco il video delle puntate). Giovedì 26 dicembre alle 23.30 su Rai1 torna Petrolio, programma di approfondimento condotto da Duilio Giammaria

Petrolio, metafora delle nostre ricchezze da identificare, estrarre, e valorizzare. Due appuntamenti, per continuare a cercare i tesori nascosti, dimenticati o male utilizzati, la leva con cui risollevare il Paese, i punti di forza, le vocazioni, spesso bloccate da ostacoli che impediscono di dare nuovo impulso al paese. In questa puntata si parlerà della cucina italiana: la più amata del mondo.

In America come in Australia, in Canada come  a Singapore, ci sono migliaia di ristoranti che propongono pietanze italiane  e gli scaffali di tutti i  supermercati  offrono prodotti italiani che, spesso, di italiano hanno solo il nome. Se i prodotti alimentari per cui siamo famosi si producessero solo in Italia, la  nostra economia potrebbe  avere un nuovo slancio, e invece c’è chi guadagna usando il nome Italia e mettendo i colori della nostra bandiera sull’etichetta. Una diffusa industria del falso che ha un giro d’affari  due volte più grande di quello del vero Made in Italy.

Come difendersi dai “furbetti? E se “i furbetti” fossero grosse industrie internazionali? Bisogna alzare le barriere difensive o contrattaccare, migliorando l’offerta? Il sistema-paese è in grado di valorizzare le produzioni agroalimentari e portarle nel mondo?