Agli inizi di marzo sono stati nominati i nuovi vertici del Festival del Cinema di Roma – Paolo Ferrari come Presidente delle Fondazione Cinema per Roma e Marco Müller come direttore artistico del Festival – che si dovranno occupare dell’organizzazione della prossima edizione della manifestazione romana.

Ma, a causa di problemi e polemiche ‘istituzionali’ i lavori sono ancora fermi, anche se ormai i tempi per la preparazione della kermesse iniziano davvero a stringere.

Per questo, ieri, oltre 150 artisti hanno stilato e consegnato alle cariche istituzionali che sono coinvolte nel progetto (Comune, Provincia a Regione) un appello, chiedendo che Marco Müller sia lasciato libero di organizzare la manifestazione e di proseguire con i lavori.

Gli artisti firmatari, tra i quali figurano Marco Bellocchio, Michele Placido,Ermanno Olmi, Giovanna Mezzogiorno, Emanuele Crialese, Toni Servillo, Stefano Accorsi, Sabrina Ferilli e Stefania Sandrelli, chiedono che vengano superate al più presto possibile tutte le problematiche che vanno al di là della questione artistica, come fu la polemica per il compenso e la firma del contratto di Müller, e di procedere con i lavori prima che il Roma Film Festival rischi di affondare.

Perdere un tale tipo di manifestazione sarebbe una grande sconfitta non solo per la Capitale, ma per tutta l’industria cinematografica italiana.