È tornato Pechino Express, la più grande avventura di viaggio della tv: da Bogotà a Città del Messico, otto coppie in un percorso on the road, alla scoperta di Colombia, Guatemala e Messico. La prima puntata è iniziata con Costantino della Gherardesca che presenta le coppie in gara dallo studio 24 di Caracun Tv di Bogotà. Un’anteprima che ironizzava sui codici televisivi degli altri reality show come l’uso di uno studio, degli opinionisti e vallette. La parodia della tv di fine anni ’90 inizio 2000 ha sicuramente divertito un pubblico di addetti ai lavori (alla conferenza stampa le risate erano fragorose) qualche dubbio sull’efficacia in un pubblico meno avvezzo al mezzo televisivo. Finito il momento di puro avanspettacolo, Pechino Express ha trovato la sua classica grammatica tra passaggi di fortuna, mappe e missioni da completare. Le otto coppie in gara hanno così subito dovuto fare una caccia al tesoro per Bogotà, in tacco 12 e vestito da sera, per conquistare le informazioni per raggiungere la prima destinazione.

Tina Cipollari inizia da subito con lo show, è uno dei personaggi di quest’edizione, cercando cibo ad ogni angolo di strada con fare vamp. Lory Del Santo corre scalza per la città e dice di indossare un abito da “10 mila dollari”. Finiscono la prova e inizia la ricerca degli autostop ma da quando Pechino Express si è trasferito in Sud-America tutto sembra più semplice rispetto al mai dimenticato Oriente. Lory Del Santo ostenta il suo essere vip ricordando nell’ordine che:”Non ho mai preso un autobus”, “Non ho mai vosto una gallina”, “Il mio vestito costa 10mila euro”, “Io non mi posso agitare, sono una persona anziana”, “E’ inutile darsi da fare quando non serve”.

Le coppie trovano tutte una sistemazione dignitosa per la notte e Silvia Farina, della coppia degli Estranei, dalla felicità intona “Osanna” alla famiglia che li ospita. Silvia Farina è il terzo personaggio vincente di questo cast, una vera stralunata che parla con le mucche, canta canzoni di chiesa e sembra vivere in un mondo parallelo. Silvia vuole far innamorare l’estraneo Marco Cubeddu a cui è stata abbinata.

Nella seconda parte della puntata una prova basata su trasporti e caffè che raccontava uno dei principali elementi economici della Colombia: le coppie dovevano trasportare 7 oggetti ingombranti con una jeep, andare in un’azienda di caffè e contare i chicchi contenuti in un vaso mentre una coppia di musicisti faceva in modo di distrarli, correre in un pollaio e catturare 3 galline e consegnare tutto al sindaco della città. Concludere la gara fino alla destinazione di tappa dopo aver pagaiato sul fiume dove li aspettava Costantino.

All’arrivo finale vincono gli Sposati Francesco Sarcina e Clizia,  secondo posto le Naturali, poi Spostati, i Socialisti, gli Estranei, gli Emiliani. A rischio eliminazione gli Innamorati e i Contribuenti. I Coniugi vogliono far uscire gli Innamorati perché non li ritengono pronti dal punto di vista fisico e psicologico. Lory prende bene il discorso di Clivia ma Costantino apre la busta nera con la scritta “eliminati”. La coppia in realtà non è eliminata ma dormiente e potrà rientrare in gara nella prossima puntata se supereranno la missione che gli sarà affidata da Costantino della Gherardesca.

Le coppie, piano piano, mostrano la propria personalità anche se i tre personaggi della prima puntata rimangono Lory, Tina e Silvia Farina. Il montaggio ritmato e il perfido sarcasmo di Costantino garantiscono un programma piacevole da guardare nonostante, con il passare degli anni, confronti e deja vù sono sempre più frequenti.