Paola Perego dopo la chiusura del pomeridiano Parliamone Sabato torna a lavorare per la RAI con un nuovo progetto per la prossima stagione televisiva. Subito dopo lo scandalo “elenco ragazze dell’est” che ha portato alla chiusura del programma di informazione e intrattenimento del sabato pomeriggio di Rai Uno in molti volevano la Perego a Mediaset ma ora, con un tweet della casa di produzione Arcobaleno Tre, il futuro della conduttrice è ancora in casa Rai.

La società di produzione del marito Lucio Presta cinguetta: “Felici perché @RaiUno ha scelto di riprendere il rapporto professionale con @peregopaola dopo un momento di “straordinaria follia””

Un caso quello di Parliamone Sabato che aveva indignato molti personaggi della televisione e della politica ma che aveva fatto incassare alla Perego la vicinanza di colleghi e amici come Paolo Bonolis e Simona Ventura. L’episodio, visto con qualche mese di distanza, è sembrato più una macchinazione per portare a chiudere il programma probabilmente gestito da poteri oscuri della Rai più che una mancanza di controllo da parte di conduttrice e autori.

La chiusura di Parliamone Sabato per Paola Perego è significato un brutto momento della sua carriera professionale soprattutto perché la conduttrice sentiva il peso delle persone che lavoravano al programma come lei stessa ha detto alle Iene: “Sono disorientata, questa è la parola giusta. Ancora non me ne rendo conto di quello che sta accadendo. E’ surreale. Mi hanno messa in mezzo in una cosa che è molto più grande di me. Non ho ancora metabolizzato, non riesco a capire bene che cos’è questa violenza contro di me. Una violenza terribile, brutta. Non me lo merito, io credo di essere una brava persona. Ma la mia preoccupazione, credetemi, non è per me, è veramente per tutte quelle persone che lavorano con me. Ora resteranno senza lavoro. Pensa che guadagnano due lire ed ora veramente avranno problemi a pagare l’affitto, perché non è che gli stipendi Rai proprio ti permettono di navigare nell’oro”. 

Per Paola Perego questo sarà un nuovo inizio, sempre in Rai.