Pamela Anderson, una delle star più amate della serie americana “Baywatch“, è uscita allo scoperto svelando un problema di salute molto delicato che ormai l’accompagna da anni. Intervistata dalla rivista “People”  la giunonica modella di “Playboy” ha confessato che nel 2002,a causa di un ago infetto adoperato per fare un tatuaggio insieme all’ex marito Tommy Lee, ha sfortunatamente contratto l’epatite C.

Un duro colpo per l’attrice, che però è riuscita a combattere la malattia nonostante la forte preoccupazione che l’ha inseguita per lungo tempo:

Sono molto fortunata ad essere sopravvissuta all’epatite C. 16 anni fa me la presentarono come una condanna a morte. Credo che tutto questo sia stato molto importante per la mia autostima. Anche se chi mi guardava dall’esterno mi ha sempre visto fiduciosa, io mi sentivo davvero come se una nube scura incombesse su di me senza mai lasciarmi”.

La patologia non è stata debellata in maniera definitiva ma la Anderson, che per fortuna non ha subito nessuna ripercussione a livello fisico, adesso è serena e rassicurata da una nuova terapia che potrà aiutarla a dire finalmente addio alla malattia:

“Non ho accusato danni al fegato né effetti collaterali. Sto vivendo la mia vita nel modo che voglio, ma la malattia potrebbe causarmi dei problemi, quindi la possibilità di utilizzare questo farmaco è una vera benedizione. Sono a metà strada. Sono davvero emozionata, mi sento felice e benedetta”.