L’Italia ha scelto il suo rappresentante ufficiale agli Oscar 2018: sarà A Ciambra a gareggiare insieme agli altri film provenienti dal resto del mondo nella categoria Miglior film in lingua straniera.

La pellicola girata da Jonas Carpignano – italoamericano al secondo film dopo il quasi inedito in Italia Mediterranea – è ambientata in una comunità rom di Gioia Tauro e ha come protagonista il quattordicenne Pio, un ragazzino che decide di provvedere ai bisogni della famiglia nell’unico modo che conosce, ovvero in maniera criminale, dopo l’arresto del padre e del fratello maggiore.

Il cast del film è composto esclusivamente da attori non professionisti che hanno interpretato personaggi molto vicini alla propria realtà quotidiana, e persino le stesse battute da loro pronunciate riecheggiano conversazioni avute in passato o ascoltate dallo stesso Carpignano, che conosce molto bene i protagonisti.

A benedire l’avventura internazionale del film, che al Festival di Cannes vinse il premio Europa Cinemas Label come miglior film europeo nella sezione Quinzaine des Réalizateurs, è stato un maestro del cinema come Martin Scorsese, il quale figura tra i produttori.

Per l’esattezza A Ciambra è stato scelto da una commissione dell’Anica da una rosa di spontanee candidature nella quale figuravano Cuori puri, Una famiglia, L’equilibrio, Gatta Cenerentola, Fortunata, Ho amici in Paradiso, L’ora legale, L’ordine delle cose, Sicilian Ghost Story, La stoffa dei sogni, La tenerezza, Tutto quello che vuoi e La vita in comune.

Spetterà poi all’Academy stilare una shortlist di nove candidati a dicembre, che verrà ridotta ulteriormente ai canonici cinque il 23 gennaio. La cerimonia di premiazione si terrà invece a Los Angeles il 4 marzo.