L’Academy of Motion Picture Arts and Sciences ha da poco annunciato quella che è la selezione dei nove titoli che andranno a competere per aggiudicarsi il premio di miglior film straniero agli Oscar 2017: purtroppo per l’Italia è rimasto fuori il candidato nostrano, il documentario Fuocoammare di Gianfranco Rosi.

Il film, vincitore dell’Orso d’oro a Berlino e premiato anche agli European Film Awards come miglior documentario, tratteggia uno spaccato quotidiano della vita sull’isola di Lampedusa, affiancando vicende più intime alla tragedia degli sbarchi dei migranti.

L’opera, che è stata grandemente apprezzata anche in ambiti istituzionali, è stata preferita ad altri candidati più pop e forse adatti quali la commedia Perfetti sconosciuti e Lo chiamavano Jeeg Robot: una scelta che oggi accende gli animi degli addetti ai lavori.

Altri clamorosi esclusi in ambito internazionale sono stati il francese Elle di Paul Verhoeven, il cileno Neruda di Pablo Larrain, lo spagnolo Julieta di Pedro Almodovar, e il polacco Afterimage, dello scomparso Andrzej Wajda.

Questa invece la lista dei nove titoli che hanno passato questa fase della selezione per la corsa agli Oscar come migliore film straniero.

  • Tanna – Australia, di Bentley Dean & Martin Butler
  • È solo la fine del mondo – Canada, di Xavier Dolan
  • Land of Mine – Danimarca, di Martin Zandvliet
  • Toni Erdmann – Germania, di Maren Ade
  • Il cliente – Iran, di Asghar Farhadi
  • The King’s Choice – Norvegia, di Erik Poppe
  • Paradise – Russia, di Andrei Konchalovsky
  • A Man Called Ove – Svezia, di Hannes Holm
  • La mia vita da zucchina – Svizzera di Claude Barras