L’annuncio è arrivato a sorpresa: il 22 febbraio Neil Patrick Harris sarà il conduttore della la 87° edizione della notte degli Oscar 2015, l’evento dell’Academy of Motion Picture Arts and Sciences durante la quale vengono premiati i migliori professionisti del mondo del cinema.

In realtà gli addetti ai lavori non si aspettavano un cambio al timone della manifestazione, dato che durante la scorsa edizione la conduttrice Ellen DeGeneres è stata molto apprezzata (tutti ricorderanno il celebre selfie di gruppo hollywoodiano divenuto l’immagine più retweettata – condivisa su Twitter – di sempre).

Tuttavia siamo sicuri che il 41enne attore americano saprà farsi valere. Il suo grande talento comico e la sua vis sono state ampiamente dimostrate in tutto il serial How I Met Your Mother: il biondo playboy Barney è stato spesso il centro dell’attenzione degli episodi più riusciti, e anche in quelli più blandi è riuscito a strappare un sorriso sincero.

Harris, che oltre a essere un prestigiatore di discreto livello ha anche già condotto altre premiazioni, pur se non dello stesso calibro, è poi famoso come interprete di musical di Broadway, per i quali nutre una passione smodata. Tracce della sua fisicità ballerina si possono rinvenire in molti film cui ha preso parte, tra cui i due capitoli de I puffi, I Muppet, American Pie: Ancora insieme e l’appena sbarcato al cinema Un milione di modi per morire nel West. Presto lo vedremo anche in un ruolo molto impegnativo nell’attesissimo L’amore bugiardo – Gone Girl di David Fincher, film ritenuto tra i più seri candidati agli Oscar.

Nota a margine. Pare che la produzione affidata per la terza volta a Craig Zadan e Neil Meron possa essere considerata gay-friendly, nel senso che Ellen DeGeneres e Neil Patrick Harris hanno da tempo dichiarato la loro omosessualità e hanno contratto regolare matrimonio, mentre Seth MacFarlane, conduttore nel 2013, è sempre stato un fiero sostenitore dei diritti civili in ambito gender.

photo credit: vagueonthehow via photopin cc