Anche quest’anno qualche bella sorpresa c’è stata e ha lasciato qualcuno a bocca aperta, per non dire quasi asciutta. Il tanto acclamato Lincoln di Steven Spielberg, con 12 nominations e tanto favore dalla critica ha portato a casa soltanto due delle tanto ambite statuette: miglior attore protagonista, Daniel Day-Lewis, e miglior scenografia con Sarah Greenwood (production design), Katie Spencer (Set Decoration).

Il premio Oscar per il miglior film è andato ad Argo di Ben Affleck. Michelle Obama lo ha annunciato in diretta dalla Casa Bianca. ‘‘Grazie ai miei amici in Iran che vivono in condizioni non facili e a mia moglie, che ha lavorato al nostro matrimonio per dieci natali. Grazie all’Academy. Non importa quanto certe cose ti possano buttare giu’. Nella vita alla fine bisogna sempre risollevarsi”: così ha dichiarato un emozionatissimo Affleck. Sempre per Argo poi, William Goldenberg ha vinto l’Oscar come miglior montaggio e Chris Terrio come miglior sceneggiatura non originale.

Il premio Oscar per la miglior regia è andato ad Ang Lee per Vita di Pi. ”Grazie dio del cinema”, ha detto Lee. Il cineasta taiwanese ha anche ringraziato, oltre a cast e troupe, la moglie ”con cui festeggio quest’anno il 30/o anniversario di matrimonio e i miei figli”. Ha quindi concluso con il ringraziamento indù: ‘Namaste’. Per la stessa pellicola Claudio Miranda ha vinto l’Oscar come migliore fotografia; Bill Westenhofer, Guillaume Rocheron, Erik-Jan De Boer e Donald R. Elliott per i migliori effetti speciali e Mychael Danna per la miglior colonna sonora.

Il premio Oscar per la miglior attrice non protagonista è andato ad Anne Hathaway per Les Miserables. L’attrice ha ringraziato in primis il marito: Il momento più bello della mia vita è quello in cui ci sei entrato tu”. E ha aggiunto: “Spero in un momento non troppo lontano la storia di Fantine (il suo personaggio, costretto dalla miseria a prostituirsi) sarà solo nei film e non più nella vita vera”. Andy Nelson, Mark Paterson e Simon Hayes per Les Miserables hanno vinto l’Oscar come miglior sonoro mentre Lisa Westcott e Julie Dartnell hanno vinto l’Oscar come miglior trucco e acconciatura.

Il premio Oscar per la miglior attrice protagonista è andato a Jennifer Lawrence per Il lato positivo.

Il premio Oscar per il miglior attore non protagonista è andato a Christoph Waltz per Django Unchained. Quentin Tarantino con lo stesso film ha vinto per la migliore sceneggiatura originale commentando: ‘Volevo ringraziare attrici e attori. Non e semplice da dire, ma le persone che vedranno i miei film tra trenta anni si ricorderanno solo dei personaggi e io devo trovare le persone giuste per far vivere questi personaggi . E io ce l’ho fatta – ha continuato -. Un anno migliore per vincere questa competizione perchè piena di buoni avversari. Grazie a Leo Di Caprio anche se non e’ qui”.

Paul N.J. Ottosson per Zero Dark Thirty e Per Hallberg e Karen Baker Landers per Skyfall hanno vinto ex aequo l’Oscar come miglior montaggio sonoro. E’ la sesta volta nella storia che un premio Oscar viene assegnato a due pellicole nella stessa categoria. Era accaduto nel ’31, per la categoria migliore attore, nel ’49, con i documentari brevi, nel ’68 per la migliore attrice (Barbra Streisand e Katharine Hepburn), nell’86, per il migliore documentario e nel ’94 nella categoria riservata al migliore ‘corto’. Skyfall di Adele Adkins e Paul Epworth, da Skyfall, ha vinto l’Oscar come miglior canzone originale.

Amour (Austria) di Michael Haneke ha vinto l’Oscar come miglior film straniero.

Brave di Mark Andrews and Brenda Chapman ha vinto l’Oscar come miglior film d’animazione.

Paperman di John Kahrs ha vinto l’Oscar come miglior corto d’animazione.

Jacqueline Durran per Anna Karenina ha vinto l’Oscar come migliori costumi.

Curfew di Shawn Christensen ha vinto l’Oscar come miglior corto.

Inocente di Sean Fine e Andrea Nix Fine ha vinto l’Oscar come miglior corto documentario.

Searching for Sugar Man di Malik Bendjelloul e Simon Chinn ha vinto l’Oscar come miglior documentario.

Leggi anche:

Oscar 2013: l’elenco di tutti i vincitori

Oscar 2013, John Williams: con 48 nominations è il re della musica di Hollywood

Oscar 2013: tutte le immagini più belle del pranzo delle nomination