Nonostante cinquant’anni di carriera, Orietta Berti non guadagna così tanto come quanto ci si aspetterebbe. La famosa cantante italiana ha lanciato il suo sfogo su “Settimanale Nuovo“, ammettendo di percepire una pensione per niente commisurata ai suoi tanti anni di lavoro:

“Ho versato contributi per cinquant’anni ma ho una pensione di 900 euro. E’ mai possibile aver dato tanto e ritrovarsi con così poco in mano?”.

La causa di una retribuzione così bassa è da attribuire alla poca trasparenza di chi pagava le serate alla cantante durante l’inizio della sua carriera:

“Molti contributi non mi sono stati versati. Sono andati perduti quelli dal 1965, quando ho cominciato a cantare professionalmente, fino a quelli dei primi Anni Ottanta. Quando facevi le serate quasi nessuno ti versava i contributi: era prassi. La tv, per fortuna, si comportava diversamente quindi quelli non li ho persi”.

Fortunatamente la Berti ammette di aver dei risparmi accumulati nel corso del tempo e, non essendo abituata a vivere di lussi, non ha problemi economici ed oggi, quindi, continua a cantare solo per passione:

“Dovessi campare con la mia pensione non ce la farei, per fortuna ho lavorato molto e ho messo da parte tanto. Adesso non canto solo per bisogno, ma perché mi piace ancora. Inoltre sono una persona semplice, non faccio spese folli“.