Ben Stiller ritorna a vestire i panni del guardiano Larry in Notte al Museo – Il segreto del Faraone, dopo i grandi successi del capostipite della saga e del sequel La fuga, che hanno raggranellato più di un miliardo di dollari in tutto il mondo.

Come da copione il terzo capitolo di un franchise è sempre il più difficile, perché si porta dietro le attese relative al primo episodio e la (potenziale, in genere probabile) delusione del secondo: per questo motivo le case di produzione cercano di pensare più in grande ed è questo il caso de Il segreto del Faraone.

La posta in gioco di questo nuovo film è infatti la sopravvivenza stessa delle premesse che hanno reso possibile la magia del franchise, ovvero l’animazione dei personaggi racchiusi nel museo di New York in cui lavora Larry.

Di ritorno dallo Smithsonian la tavoletta del faraone Ahkmenrah inizia a sgretolarsi e per fare in modo che la magia dell’artefatto non si perde è necessario che Larry si imbarchi per Londra, allo scopo di fare una vista al British Museum.

Tra le varie avventure Larry dovrà anche venire a patti con la propria paternità, dato che il giovane Nick esige sempre più libertà, e il rapporto padre-figlio diventa così uno dei temi del film, riflesso nelle dinamiche che si instaurano tra i vari personaggi.

Notte al Museo – Il Segreto del Faraone rappresenta anche una delle ultime possibilità per rivedere su grande schermo Robin Williams e Mickey Rooney: il primo, che ha interpretato il ruolo del Presidente Teddy Roosevelt, si è sucidato lo scorso 11 agosto, mentre il secondo è morto il 6 aprile a 93 anni.

Il resto del cast  del film, in uscita mercoledì 28 gennaio, comprende la star della comicità australiana Rebel Wilson, la leggenda Ben Kingsley, Owen Wilson, Ricky Gervais, Dick Van Dyke e Steve Coogan e i cameo di Alice Eve e Hugh Jackman.

Foto: 20th Century Fox