Ieri sera è andata in onda la prima puntata della mini serie per la tv su Non è mai troppo tardi la trasmissione televisiva con il Maestro Manzi che ha alfabetizzato la maggior parte degli italiani e imposto una lingua unica.

Claudio Santamaria è Alberto Manzi e nella miniserie fa rivivere la straordinaria avventura del maestro più amato e popolare d’Italia che, negli anni Sessanta grazie alle sue rivoluzionarie lezioni trasmesse in tv dalla Rai, riesce a compiere un vero e proprio miracolo. In otto anni Manzi ha insegnato a leggere e a scrivere a un milione e mezzo di persone, portando un’enorme fetta del Paese alla licenza elementare. Ecco quel che è successo nella prima puntata:

1946: Alberto Manzi è appena tornato dalla guerra e cerca un lavoro come maestro, ma per lui, aspirante docente senza raccomandazioni, non ci sono cattedre. Gli viene dato il posto che nessuno vuole. Maestro al carcere minorile di Roma, Aristide Gabelli. Novanta ragazzi dai nove ai diciassette anni. A loro la scuola non interessa, hanno già fatto scap- pare altri quattro insegnanti. Manzi non si arrende. Chiede di fare lezio- ne senza le guardie e sfida le regole del carcere che gli vietano di por- tare ai suoi alunni penne e libri. Il direttore lo scopre. Rischia di perdere il posto, ma si conquista la fiducia dei ragazzi. Cominciano a seguire le sue lezioni. Per loro leggere e scrivere diventa il modo per scoprire una parte di sé, le proprio emozioni, i propri sentimenti, per cercare una vita diversa. Insieme al loro maestro danno vita alla “Tradotta”, il primo gior- nalino che sia mai stato stampato in un carcere minorile italiano. Anche il direttore alla fine si lascia trascinare dall’entusiasmo di quel giovane maestro e dai suoi metodi così poco ortodossi… e concede persino ai ragazzi e al loro insegnate una gita ad Ostia. L’anno scolastico è finito, Manzi riceve dal professor Volpicelli della facoltà di pedagogia un inca- rico che non può rifiutare, la cosa difficile, adesso, è dirlo ai ragazzi…

Rivivi la puntata qui (Video) e appuntamento a questa sera su Rai Uno per la seconda e ultima puntata.