Nino Buonocore pubblica “Segnali di umana presenza” (Hydra Music/Goodfellas), il nuovo album di inediti, a ben nove anni dal precedente “Alti e Bassi”, pensato e realizzato per distribuirlo in mezzo mondo - dalla Francia agli Usa e Inghilterra, dal Brasile al Sud America e Spagna.

Un tempo cosi “dilatato” non è una novità nell’attività del cantautore ma, in questo caso, la lunga gestazione è servita a non lasciare nulla al caso, finalmente soddisfatto delle condizioni discografiche che gli permettono di proporre nella maniera migliore possibile il nuovo progetto: “ora tutto è cambiato, la musica è diventata “liquida” e non ci sono riferimenti discografici” per un artista che cura ogni minimo dettaglio, e cosi, per questo disco, ha curato (come mai prima) produzione e arrangiamenti. 

12 nuove canzoni scritte (come sempre) con Michele De Vitis: “MILLENOVECENTO73”, “L’UOMO NUOVO”, “TIENIMI STRETTO”, “L’AMORE CHE NON VEDI”, “IL LESSICO DEL CUORE”, “D’ORA IN POI”, “TUTTO UN ALTRO FILM”, “LA STESSA”, “PASSEGGIANDO (CON ME)”, “QUELLO CHE IMMAGINAVI”, “SERENA” e “UN AMORE QUALUNQUE”, questi i titoli contenuti in “SEGNALI DI UMANA PRESENZA”.

La sua storia è coerente con la sua arte, la sua musica e le sue canzoni hanno accompagnato periodi di vita – “Scrivimi”, appunto, su tutte; “Rosanna”, “Il Mandorlo”, “Boulevard”, per citarne altre – restano nell’immaginario di tanti, e che hanno fatto la fortuna di un cantautore rimasto sempre indiviso con la sua arte e il suo talento di compositore, alla ricerca mai fine a se stessa.

IL LESSICO DEL CUORE” (da cui è tratto anche un videoclip girato dall’operatore-regista Davide Silvestro) è certamente la canzone che meglio delinea gli ambiti e i contenuti musicali del nuovo lavoro, ritorno alla discografia ricco di idee: “Forse ci vorrebbe una rivoluzione/ Non farebbe male un po’ di confusione/ Dentro una vita da tiro a segno/ che tanto già lo sai che non vinci mai!/ Tutto prenderebbe un’altra direzione/ oltre la politica e la religione/ Ci sono uomini che non capisco/ Ci sono troppi fatti che io non resisto…/Ah…se la storia potesse cambiare!/ Ah…quante cose potrebbe insegnare/ il lessico del cuore/ Forse ci vorrebbe una rivoluzione/ per tornare ad essere delle persone/ in questo mondo che alza la voce/ che non ti ascolta mai…dimmi come fai?”.

E‘ un Nino Buonocore più “diretto” che racconta l’uomo e gli scenari della sua sfera più privata, con la solita naturalezza e leggerezza, le difficoltà del vivere e la sua idea di rivoluzione è da realizzare con le parole, Un lavoro che ci disvela il meglio di un microcosmo che conosciamo bene, che si apre di nuovo, e intatto restituisce un mondo di emozioni e colori che è proprio del repertorio di Buonocore.

Le conclusioni sono riassunte nel verso “Sarebbe tutta un’altra musica la vita e invece è tutta una bugia”, sintesi filosofica, concettuale di questo viaggio fatto di sogni, a volte realizzati a volte traditi, in cui la musica e le canzoni di Nino ci accompagnano.

Sito ufficiale: www.ninobuonocore.com

Facebook ufficiale: Nino Buonocore (Adelmo) e e Nino Buonocore Cantautore

 

 

Discografia ufficiale

Acida (1980 – RCA Italiana) (Q disc)

Yaya (1982 – RCA Italiana)

Nino in copertina (1983 – RCA Italiana)

Nino Buonocore (1984 – EMI Italiana)

Una città tra le mani (1988 – EMI Italiana)

Sabato, domenica e lunedì (1990 – EMI Italiana)

La naturale incertezza del vivere (1992 – EMI Italiana)

Un pò di più (1993 – EMI Italiana)

Alti e bassi (1998 – Easy Records-RTI Music)

Libero passeggero, come Nino Buonocore Sextet (Cd+dvd) (2004 – La Canzonetta Record, FDM)

Scrivimi “Greatest Studio Unplugged” (2009 – Nino Buonocore Sextet – nuove versioni – Azzurra Music)

Segnali di umana presenza (2013 – Hydra Music)