Nuova vita per Nicole Minetti: l’ex consigliera della Regione per il Pdl e imputata nel processo Ruby Bis – che ha coinvolto l’ex premier Silvio Berlusconi – avrebbe dismesso anche i panni di igienista dentale per dedicarsi a tutt’altra carriera, quella della deejay.

Da come si può notare dagli scatti condivisi dalla stessa sui suoi profili social, la Minetti avrebbe trovato un’altra passione, quella per le consolle, facendo da dj non in locali qualunque, ma soprattutto di Ibiza dove, a quanto pare, si sarebbe trasferita.

SunnyIbiza☀️

A photo posted by Nicole Minetti (@minettinicole) on

Sole, tintarella, e notti passate nei club esclusivi della isola delle Baleari: questa è la nuova vita dell’ex consigliera regionale, che nonostante faccia le “ore piccole” nei locali della movida di Eivissa, appare sempre più in forma che mai: tra alcuni scatti che la mostrano con cuffie in testa e alle prese con le consolle, Nicole alterna anche immagini in cui si gode il sole e si allena in palestra.

Bubbles IBIZA #HappyEaster

A video posted by Nicole Minetti (@minettinicole) on

Ma nonostante questa nuova vita, il passato per la Minetti sembra essere ancora tutt’altro che archiviato: nel 2015, infatti, è stato annunciato che il processo Ruby Bis – che la vede imputata insieme ad Emilio Fede  e Lele Mora – sarebbe da rifare tutto da capo e la sentenza – che la vedeva condannata in appello a 3 anni per favoreggiamento della prostituzione – è stata annullata dalla Cassazione con rinvio per un nuovo giudizio della corte d’Appello.

N&J .... WakeUp And SmashIt 👊 @josefinarodrigo

A video posted by Nicole Minetti (@minettinicole) on

Nicole, tuttavia, non smetterebbe di ricevere denaro da Berlusconi: tra il 2014 e l’inizio 2016, infatti, l’ex consigliera della Regione Lombardia avrebbe ricevuto un bonifico mensile di 15.000 euro (per un totale che supera i 300mila euro) con motivazione “prestito infruttifero” ai quali si è aggiunto lo scorso 30 settembre 2015 anche un ulteriore versamento da parte dell’ex premier di 65.000 euro con causale “risarcimento danni alla Regione”.