Nicolas Cage si imbarca in un nuovo progetto e come spesso accade con le pellicole che lo vedono protagonista, si tratta di una storia completamente folle.

Army of One è il nuovo film del regista Larry Charles, divenuto famoso per la sua collaborazione con il celebre comico trasformista Sacha Baron Cohen: sua infatti la direzione di Borat, The Dictator e Bruno.

L’opera prodotta da Endgame Entertainment e Condé Nast Entertainment, presentata come una commedia satirica, è liberamente ispirata a un articolo apparso su GQ che raccontava la vera storia di Gary Faulkner.

L’uomo, un operaio americano con un passato da truffatore e ladro, divenne famoso (o forse famigerato) nel 2010 quando venne arrestato dalla polizia pachistana in possesso di una spada da samurai, una pistola, occhiali per la visione notturna, una videocamera e alcuni volumi di letteratura religiosa: la folle impresa per la quale era partito in volo in gran segreto consisteva infatti nel ritrovamento di Osama bin Laden, ai tempi ancora in vita e ben nascosto.

Nicolas Cage, un premio Oscar per Via da Las Vegas e una nomination per Il ladro di orchidee, non è nuovo a ruoli estremi e all’interpretazione di personaggi borderline, così come il suo stile di recitazione (definito da lui stesso “mega-acting”) è sempre stato molto eccessivo e poco propenso alle sfumature.

Le riprese di Army of One dovrebbero iniziare a fine marzo e la produzione spera di poter distribuire la pellicola entro la fine dell’anno. Dati i precedenti del regista non è improbabile che la commedia, descritta come una satira, possa provocare polemiche riguardanti la rappresentazione del mondo musulmano.

Foto by Infophoto