Ecco’ è il titolo del suo disco contente 11 inediti già schizzato ai primi posti delle classifiche musicali.

Lui è Niccolò Fabi che, dopo anni di assenza, torna a farci ascoltare la sua musica attraverso un album che sta già conquistando gli italiani.

Intervistato da Adnkronos, Fabi parla del futuro, e del presente, della musica italiana, colpita, come nel resto del mondo, dalla pirateria, e a questo proposito afferma che “la politica di protezionismo portata avanti dalle case discografiche contro la pirateria si è rivelata fallimentare, bisognava invece subito andare da un’altra parte, e secondo me è il live che ha sempre caratterizzato l’attività del musicista e sempre la caratterizzerà”.

Difficile dargli torto.

Questa difficoltà è nata però anche dalla perdita del ruolo del musicista, che, secondo Fabi, se prima trovava il suo valore nella musica dal vivo, oggi, vivendo noi “nell’epoca della discografia”, si ritrova a essere un semplice esecutore utile alla registrazione di un brano che poi verrò riprodotto attraverso altri supporti.

Parlando quindi di musica dal vivo, Fabi conferma di aver ricevuto, e declinato, l’invito a partecipare al Sanremo di Fazio.